Enrico Pieranunzi, Marc Johnson, Joey Baron

Current Conditions

Cam Jazz CAMJ 7756-2

Item: full_album_8024709775627_CD

Artists :
Enrico Pieranunzi ( Piano )
Joey Baron ( Drums )
Marc Johnson ( Bass )
Release date
Jan 3, 2003
Duration
70:34
Barcode
8024709775627

More tunes from the Pieranunzi-Johnson-Baron trio, to caress your ears. The trio's magic hits home again and heads straight for your soul, tickling it with new original compositions by Enrico, Marc, and Joey. Pure pleasure.


"I once described Thelonious Monk's original recording of 'Ruby My Dear' as 'sentiment without sentimentality'. Enrico Pieranunzi's playing and compositions have that same quality in their own way. No doubt he is both a romantic and a deep thinker. The combination of heart and mind is a most valuable amalgam in any art form. The blend is mixed differently by each individual. Pieranunzi's is a heady brew whose aromatic essences draw you in. They make you think. More so, they make you feel." (Ira Gitler)



Recorded in Rome on 28 November 2001at Sala B - RadioRai
Recording engineers Roberto Rossi, Rita Franceschini
Assisted by Stefano Silvestri
Mixed in Rome at Forum Music Village
Mixing engineer Luciano Torani
Assisted by Damiano Antinori

Reviews

Enrico Pieranunzi, un Romain aux Lombards
Le club parisien accueille à nouveau le pianiste italien, qui a trouvé sa voie sans renier l'héritage de son maître, Bill Evans. Pour le plus grand bonheur des amateurs de jazz, Enrico Pieranunzi a pris ses habitudes dans quelques havres musicaux hors de son pays. A Paris, c'est au Duc des Lombards, où il se produira les 17, 18 et 20 janvier. Agé de 53 ans, le pianiste romain propose l'une des expériences musicales les plus abouties de la scène jazz actuelle. Tour à tour lyrique, fougueux, intrépide ou méditatif, il possède un sens aiguisé de la nuance et de la dynamique. Quelle que soit la configuration orchestrale, le pianiste conjugue souci de la forme et improvisation. Une démarche qu'il identifie à celle des poètes. Enrico Pieranunzi est un homme de goût, qui sait choisir ses notes comme ses partenaires. Il raconte avoir "baigné dans la musique depuis l'enfance" : "Mon père était guitariste de jazz et compositeur de musique folklorique romaine, et mon frère Gabriele violoniste. Nous avons d'ailleurs beaucoup joué le répertoire classique, mais j'ai écouté mes premiers disques de jazz à l'âge de 2 ou 3 ans. En fait, je n'ai pas choisi la musique, c'est plutôt elle qui m'a choisi." La vie musicale d'Enrico Pieranunzi sera ainsi duelle. Pendant vingt ans, jusqu'en 1998, il a enseigné le piano au conservatoire de Frosinone, non loin de Rome. Parallèlement, il fait ses classes en accompagnant les solistes américains de passage en Italie : le guitariste Jim Hall, le saxophoniste Johnny Griffin, le trompettiste Art Farmer et d'autres avec lesquels des liens se sont noués, comme Lee Konitz, Paul Motian ou Chet Baker. Une histoire de talentueux accompagnateur qu'ont vécue tant d'autres musiciens et dont beaucoup ne sont pas sortis, du moins pas indemnes. Enrico Pieranunzi, lui, a poursuivi sa patiente ambition : se trouver. S'il a aujourd'hui atteint une souveraine maturité, ce ne fut pas sans mal, car il a souffert du pire qui puisse arriver à un musicien : le malentendu. Pieranunzi a abondamment écouté Bud Powell, McCoy Tyner, Chick Corea, Paul Bley - "un musicien complètement sous- estimé"- et surtout Bill Evans. Longtemps, il aura porté comme une lettre écarlate l'asphyxiante étiquette d'épigone de Bill Evans. On sait ce qu'il est advenu d'une ou deux générations d'instrumentistes fascinés par l'approche musicale du pianiste américain, au point d'être incapables d'élaborer leur propre langage. Pour un Keith Jarrett, combien de Warren Bernhardt ou d'Andy Laverne, excellents, mais dans la situation d'alpinistes bloqués dans une voie, le regard levé vers un indépassable sommet ? Chez le Pieranunzi des années 1980, l'empreinte de Bill Evans était forte, très forte. "Au cours de ces années, j'ai passé une bonne partie de mon temps à analyser sa musique, surtout les aspects techniques, la production du son", reconnaît-il. L'impression se renforcera encore lorsque Enrico Pieranunzi commencera à jouer avec d'anciens piliers des trios de Bill Evans, le batteur Paul Motian et le contrebassiste Marc Johnson. Avec ce dernier, en particulier, s'est développée depuis 1984 une relation quasi télépathique que Pieranunzi n'hésite pas à qualifier de "miracle musical". Quelque temps avant notre rencontre, Pieranunzi et Johnson s'étaient retrouvés pour une série de concerts. "La musique surgit chaque fois que nous jouons, même si cela fait longtemps que nous ne nous sommes pas vus", s'exclame-t-il. Parmi plus de dix CD où ils sont réunis, il faut en signaler deux récents, en trio, publiés par des labels italiens : le magnifique Racconti mediterranei pour Egea avec le clarinettiste Gabriele Mirabassi, et Play Ennio Morricone - Pieranunzi tint souvent le piano dans les musiques de film de son concitoyen - chez CamJazz, avec l'un des complices d'élection du pianiste depuis 1984, le batteur Joey Baron. En 2000, Pieranunzi et Johnson se produisaient en duo au Duc des Lombards. Dans la salle comble, le pianiste Brad Mehldau les écoutait les yeux fermés, savourant chaque note de ces funambules sur le fil de l'improvisation. Mehldau, qu
16/01/03Le MondePaul Benkimoun
Parigi, accoglienza da star per il romano Pieranunzi «virtuoso del piano jazz»
Il jazz italiano conquista la Francia. Da tempo si parla dei successi dei trombettisti Enrico Rava, Paolo Fresu e Flavio Boltro, del sassofonista Stefano Di Battista, ma Le Monde, la scorsa settimana, ha addirittura annunciato con una intera pagina (e un richiamo in prima) i tre concerti del pianista romano Enrico Pieranunzi - 54 anni domani - al Duc des Lombards di Parigi, definendo il musicista «lirico, intrepido e insieme meditativo, con senso della nuance e del dinamismo, capace di coniugare la forma con l' improvvisazione». Che cosa ne pensa, Pieranunzi? «I francesi mi vogliono bene, ma certo non mi aspettavo tanto... L' articolo di Le Monde ha fatto accorrere una folla ai miei concerti». Lei è cresciuto in una famiglia musicale, padre chitarrista, un fratello violinista classico. Che cosa l' ha spinta al jazz? «I dischi che mio padre mi faceva ascoltare: gli assolo del chitarrista tzigano Django Reinhardt (proprio di ieri è la notizia che a Pieranunzi è stato assegnato il Premio Django D' Or 2003, ndr), Charlie Parker, Erroll Garner. Tutti dicono che io mi sia sempre ispirato al pianismo di Bill Evans, in realtà io sono stato influenzato da Garner, da Bud Powell, da Tyner. Poi ho scoperto Evans: credo che qualunque pianista di jazz che provenga da studi classici non possa fare a meno di riferirsi a lui. Accade anche a Jarrett, a Mehldau». Molto spesso lei improvvisa, eppure è molto legato alla composizione... «E' vero, la mia prerogativa è la composizione. Ed è proprio componendo che mi sono allontanato da Bill Evans. Mi piace scrivere musica, inventare melodie. Ma questo non toglie nulla al fatto che, in concerto, spesso mi lasci andare a lunghe improvvisazioni che sono, in qualche modo, liberatorie». Le Monde l' ha fatta parlare anche di politica. Lei si dice preoccupato per quanto accade nel nostro Paese... «Anche i musicisti fanno politica, in modo più o meno dichiarato. Io sono fuori dalle polemiche delle parti, ma certo non posso non accorgermi che si st a veicolando esclusivamente una ideologia del profitto». Appuntamenti e progetti per il futuro? «In febbraio sarò ad Amburgo con il mio quartetto per alcuni concerti, ma il progetto più ambizioso è discografico: dieci anni fa moriva Fellini. Sto pens ando, con il mio editore che ha in repertorio le musiche di Rota, di realizzare un disco dedicato al grande regista. E probabilmente avrò con me musicisti di straordinario valore, dal bassista Charlie Haden al batterista Paul Motian, al trombettista Kenny Weeler». Vittorio Franchini
04/02/03Corriere della seraVittorio Franchini
CURRENT CONDITIONS
Parallelamente ai cd dedicati alle colonne sonore, che rappresentano la maggior parte del suo catalogo, la C.A.M. sta potenziando, con registrazioni di elevatissimo spessore, la collana rivolta alla musica jazz. E, se qualche tempo fa sono state masterizzate alcune incisioni storiche di mostri sacri come Lee Konitz, ci si è rivolti anche a grandi interpreti del presente. E' il caso, ad esempio, di Enrico Pieranunzi che nel cd "Current Conditions" esegue una serie di brani, da lui composti ed arrangiati, insieme a Marc Johnson e Joey Baron. Prima di entrare nel vivo del disco, inquadriamo brevemente questi tre eccezionali artisti. Pianista e compositore, Enrico Pieranunzi è nato a Roma nel 1949 in una famiglia dalle consolidate tradizioni musicali. Nel corso della sua splendida carriera ha collaborato con i più grandi jazzisti, da Art Farmer a Chet Baker, suonando a tutti i più importanti festival internazionali. Ha registrato circa 30 cd, vincendo nel 1997 il premio francese "Django d'Or" come miglior musicista europeo. Per quanto riguarda Marc Johnson, è nato nel 1953 in Nebraska ed ha cominciato a suonare il contrabbasso all'età di 16 anni, dopo aver studiato pianoforte e violoncello. La sua carriera ha avuto inizio nella "Fort Worth Symphony", ancora diciannovenne, per poi passare, nel 1977 alla Woody Herman Band ed un anno dopo ha fatto parte del Billy Evans Trio, registrando con il grande pianista una serie di dischi, fra i quali anche "We Will Meet Again", vincitore di un Grammy Award. Dopo la morte di Evans, Johnson ha suonato in trio o in coppia con un numero incredibile di jazzisti famosissimi, partecipando negli ultimi vent'anni a più di un centinaio di raccolte discografiche. Attualmente si divide fra l' "Elian Elias Trio", il "Charles Lloyd Quartet", il "Lee Konitz Trio", il "Paul Motian Trio" e dal 1984 collabora sporadicamente anche con Pieranunzi e Baron. Un'ultima curiosità riguarda lo strumento che lo accompagna nelle sue performance da più di 25 anni, ovvero un Camilli (allievo di Stradivari) del 1739. Ultimo componente del trio, il batterista Joey Baron, nato a Richmond, Virginia, da una famigli di origini ebraiche. Autodidatta, è però vissuto in un ambiente ricco di tradizioni musicali ed ha quindi avuto la possibilità di farsi un'ampia cultura al riguardo. Anche le sue collaborazioni con jazzisti di livello mondiale sono innumerevoli e ricordiamo soltanto la sua lunga esperienza con Bill Frisell. Scorrendo queste brevi seppur non esaurienti biografie si comprende comunque di avere a che fare con dei virtuosi che, ogni volta che suonano insieme, si esprimono al massimo. Il sodalizio fra i tre, come abbiamo accennato in precedenza, è iniziato nel 1984, ma i loro incontri non sono molto frequenti, prova ne sia che il cd "Current Conditions", inciso dalla C.A.M. e oggetto della nostra recensione, è appena il quinto in 18 anni di collaborazione. La novità del disco consiste nel fatto che, per la prima volta, il trio si cimenta in una registrazione "live", effettuata nella sala B di RadioRai a Roma, durante un concerto inserito nella programmazione radiofonica, davanti ad un pubblico sparuto, a giudicare dall'intensità degli applausi. Il risultato finale è a dir poco eccezionale e risulta difficile decidere quale sia il migliore fra i dodici brani racchiusi dal cd, otto di Pieranunzi, uno a testa per Johnson e Baron e un paio attribuiti a tutti e tre in quanto scaturiti da un'improvvisazione corale. Ogni pezzo, dall'iniziale "How can you not?" di Pieranunzi al conclusivo "Broken time" di Baron presenta una storia a sé, descritta con poche significative righe nelle note del libretto illustrativo curate da Ira Gitler, al quale rimandiamo per maggiori notizie. Dal canto nostro possiamo solo aggiungere che la musica interpretata dal trio mostra, oltre ai ritmi tipici del jazz, tutta una serie di richiami "classici", del Novecento o contemporanei, e non è un caso, visto che tutti e tre hanno una cultura di ampio respiro. Non ci rimane, quindi, che consigliare vivamente "Current Co
21/02/03www.16noni.itMARCO DEL VAGLIO
Current conditions
Se chi legge questa recensione è un appassionato di jazz alle prime armi avrà il sospetto, comune a molti suoi simili, che il musicista italiano sia sempre e comunque inferiore al maestro americano. Se questo assunto poteva avere senso negli anni Cinquanta e Sessanta oggi, soprattutto alla prova dei fatti, è una colossale balla. Prendete questo disco di Enrico Pieranunzi ed ascoltatelo attentamente senza stupidi preconcetti. Non ci sono più di tre o quattro album al momento che possano tenergli testa. E non dico in Italia, ma in tutto il mondo. "Current Conditions" segna forse il vertice artistico di una collaborazione, quella con i ritmi americani Marc Johnson, contrabbasso, e Joey Baron, batteria, che già si era manifestata egregiamente nel disco (sempre per la CAM JAZZ) di omaggio alle composizioni di Ennio Morricone. Qui, sotto la supervisione di Pino Saulo di RaiTre, il trio si esibisce in una fantastica registrazione dal vivo trasmessa via radio ed oggi finalmente trasferita su CD. Rispetto a certe sue produzioni più recenti, tutte basate sul recupero di matrici sia classiche che popolari, l'album è quello jazzisticamente più convincente registrato da Pieranunzi negli ultimi anni. Grande cantabilità, profondo lirismo, composizioni eccellenti, assoli memorabili, una ritmica cangiante ed estremamente dinamica a sostenerlo in ogni momento, un inteplay tra i tre che lascia a bocca aperta. Cosa altro volere da un disco di jazz? Siamo certi che questo album diverrà un classico. Del jazz tutto, non solo del bravissimo pianista romano. Registrazione ineccepibile. Qualità artistica 9/10 Qualità sonora 9/10
01/03/03AudiocarstereoRedazione
Pieranunzi - Johnson - Baron
Lo stato di grazia di Enrico Pieranunzi continua da qualche anno in modo evidente ed è ulteriormente testimoniato da questo magnifico documento dal vivo che il pianista ha registrato nella sala A di Radio Tre assieme a partner d'eccezione come i due ritmi americani Marc Johnson e Joey Baron, la cui interazione col musicista romano è tale che lo stesso ha deciso saggiamente di cointestare a tutti e tre questo piccolo gioiello. Il disco è probabilmente l'album "più interamente jazz" inciso dal Nostro negli ultimi anni, e forse da questo punto di vista il picco di una carriera che ha avuto inizio nel '70 ed è proseguita sempre in progresso, sino ad arrivare nel nuovo millenio nel segno di un lirismo sincero ed appassionato e di una febbrile ricerca che ha reso oggi Pieranunzi tra i migliori jazzisti del mondo. Bando alle riserve e alle prudenze. Perché dovremmo avere timore di affermare quanto è sotto gli occhi di tutti? "Current Conditions" vive di continui splendidi momenti in cui i tre, alle prese con un repertorio originale completamente autografo, si immergono in un jazz cangiante, delicato, ricco di vivida ispirazione, dove il solismo per nulla spettacolare di Pieranunzi ha modo di esaltarsi sotto il sottile e raffinatissimo tessuto ritmico creato dal basso di Marc Johnson, che oramai è il compagno prediletto del pianista, e di un Joey Baron sempre più poeta di tamburi e piatti, degno prosecutore della scuola di Paul Motian. E pur non rinunciando alla pensosa ispirazione che del jazzista italiano è divenuta quasi marchio di fabbrica, l'album vive di felice cantabilità, con i tre magnifici nella difficile arte di far "galleggiare" jazz e melodia. Qualità artistica 9/10 Qualità sonora 9/10
02/03/03AudioreviewMarco Crisostomi
Current Conditions02/03/03www.jazzitalia.netRedazione
Current Conditions
La qualità e la quantità della musica prodotta da Enrico Pieranunzi negli ultimi tempi è assolutamente impressionante, ed ha pochi eguali: basta dare una scorsa alle recenti pubblicazioni di etichette come Yvp, Challenge, Via Veneto, Egea, Sound Hills. Per la CAM, il pianista romano ha già messo a segno un "colpo" di gran rilievo, con l'album dedicato alla musica di Ennio Morricone, al quale è prevista una sostanziosa aggiunta, in uscita tra breve. Protagonista di quelle registrazioni è lo stesso trio che troviamo qui all'opera, Marc Johnson al contrabbasso e Joey Baron alla batteria. Si tratta di un sodalizio già ben sperimentato e coeso, attivo dal 1984, che è in quest'occasione ci regala una registrazione dal vivo, realizzata a Roma il 28 novembre 2001 presso la sala B di RadioRai a Roma, nell'ambito di RadioTre Suite Jazz, a cura dell'ottimo Pino Saulo. "Una volta ho descritto la registrazione originale di Ruby My Dear di Thelonious Monk come sentimento senza sentimentalismo" - scrive Ira Gitler nelle note di copertina - "Il modo di suonare e di comporre di Enrico Pieranunzi ha quella stessa qualità, con sue peculiarità". E' una sintesi perfetta di ciò che si ascolta in questo CD: musica intensa, suonata con passione, da un trio che "viaggia" meravigliosamente ... Qualità musicale 8/10 Qualità tecnica 5
01/03/03SuonoMaurizio Favot
Current Conditions
Tanti i trii finora alternatasi sotto la guida di Enrico Pieranunzi, ma non ce n'è uno, uno solo, che abbia fatto la minima grinza. Alla formula il pianista romano ha sempre saputo donare una straordinaria sensibilità, contagiosa per i partner: l'aveva derivata da Bill Evans, e nella sua personale evoluzione pare resta l'unica caratteristica, peraltro esterna alla crezione musicale, che lo accomuni all'amato nume. Tutti ottimi trii, ma questo- quello cosidetto "americano" cioè con due maestri quali Marc Johnson e Joey Baron -sembra avere sempre qualcosa di speciale. L'inizio rivelazione fu "New Lands", registrato nel 1984 per l'olandese Timeless, poi le conferme sono state frequenti, fino al recente lavoro su Ennio Morricone fatto uscire dalla stessa Cam poco prima di questo (che per la storia è il quinto). In "Current Conditions", niente standard: è un vero exploit sul piano compositivo, con otto brani di Pieranunzi, uno (Ravel's Walk) di Johnson, uno (Broken Time) di Baron e due libere, briose improvvisazioni (Joey's Magic Tricks e Trio Reflections) firmate da tutti e tre i soci, così come ai tre è intestato il disco, benché il leader sia chiaramente il pianista, incaricatosi di ogni arrangiamento. E da quella prodigiosa lanterna magica che ci si aspetta sempre da Pieranunzi scorrono immagini cangianti, come le cupe brume di Night After Night o il turbinoso vento di What's Really Going On o ancora il nostalgico paesaggio in cui Simul incede come una sorta di valse triste. All'autore, si sa, l'ispirazione viene anche dal mondo letterario: If Only For A Time è inspirato ai versi di Dylan Thomas, e il magnifico Alle Rive Lontane, il brano più esteso, da Saint-John Perse. Stranamente Illusions Market era stato tenuto nel cassetto ben quindici anni: forse Pieranunzi aspettava che Johnson fosse pronto a ornarlo con una delle sue tante belle prove, alle quali Baron risponde con non meno alti meriti.
05/03/03Musica JazzGian Mario Maletto
Sontuoso Pieranunzi ben sostenuto da Marc Johnson e Joey Baron
JAZZ, IN VETRINA I GRANDI CLASSICI L’ottimo stato di salute del jazz italiano è testimoniato anche dai numerosi CD che reggono ottimamente il confronto con le produzioni estere. In questo quadro il jazz capitolino è assai ben rappresentato da musicisti quali Maurizio Giammarco, Rita Marcotulli e Enrico Pieranunzi. Di quest’ultimo di recente pubblicato “Current Conditions” (C.A.M. Jazz). Il pianista è accompagnato, nell’occasione, da Marc Johnson al contrabbasso e Joey Baron alla batteria, ovvero una formazione assai collaudata che, nonostante abbia inciso solo cinque CD, si esibisce dall’oramai lontano 1984. E I risultati si vedono: I tre si conoscono alla perfezione e la musica scorre fluida in un continuo passaggio di idee che non conosce soluzioni di continuità fra i tre. La cosa appare ancora più evidente in quest’ultimo album in cui, per la prima volta, il trio si cimenta con una registrazione live, effettuata durante un concerto nella sala B di RadioRai a Roma il 28 novembre 2001. Il repertorio consta in dodici brani di cui otto a firma di Pieranunzi, uno cadauno di Johnson e Baron, e due attribuiti a tutti e tre come frutto di una improvvisazione collettiva. Davvero difficile citare solo qualcuno di questi pezzi dato che tutti risultano eccellenti anche all’ascolto più esigente.
26/03/03LiberoGerlando Gatto
Current Conditions
One more top-notch album from the label currently exposing Europe's richest vein of jazz treasures to the world. Recorded live at Rome's Radiotre, Current Conditions is a stunning trio date. pieranunzi's playing is never less then captivating. If a reference were needed, then Bill Evans of Kind of Blue comes to mind, though Pieranunzi is thoroughly modern, with is own richly melodic voice. Bssist Johnson is a miracle of invention, and his composition Ravel's Walk is a highlight of the CD, while the pianist's own Simul evokes Satie's melancholy pianism.
29/03/03Music & MediaTerry Berne
Il jazz di Current Conditions
Il catalogo CamJazz si arricchisce di Current conditions compact che vede protagonisti Enrico Pieranunzi, Marc Johnson e Joey Baron. Un lavoro discografico che fa restare nel tempo un evento unico, un inedito capitolo di un concerto che si è svolto il 28 novembre alla Sala B di RadioRai a Roma.
"La musica è composta - scrive Ira Gitler nelle esaurienti note di copertina - da otto brani originali di Pieranunzi, un pezzo del bassista Marc Johnson e uno del batterista Joey Baron e da due improvvisazioni del trio giustamente attribuite a tutti e tre. Il mio suggerimento è di ascoltare il disco e di scolpire i pensieri e le emozioni sulla vostra tabula rasa prima di essere influenzati dalla mia reazione o dai commenti di Pieranunzi e ancora prima di studiare i titoli dei pezzi. Poichè ho ascoltato questa raccolta molte volte scrivendo queste note ed ho intenzione di continuare a farlo per molto tempo dopo la sua uscita ufficiale, sento che molti di voi faranno lo stesso. Ho sentito per la prima volta Pieranunzi alla fine degli anni '80 alla scuola di fazz di Siena. Negli anni seguenti, ascoltandolo a Perugia e Vicenza, non ha mai mancato di commuovermi con il suo straordinario talento sia che suonasse solo, in trio o come parte del quartetto guidato da Rava. Il rapporto con Johnson e Baron - prosegue Ira Gitler - comincia nel 1984 quando loro si ritrovavano in Italia per suonare in una serie di concerti con Keny Drew. Quando Drew ritornò a Copenaghen a causa della malattia della moglie, Pieranunzi fu chiamato a sostituirlo. Si stabilì un rapporto più che immediato. Questa è la loro quinta registrazione in 18 anni, la seconda per CamJazz. Il legame è soltanto cresciuto divenendo più forte, non influenzato dagli ingaggi intermittenti, e la magia si è moltiplicata".
Un disco dove professionalità e passione vanno di pari passo, mostrando un lato del jazz che piace agli appassionati, ma anche a chi si avvicina più raramente a questo sopraffino genere musicale. ottima la qualità di registrazione, pur essendo un disco live.
Un altro capitolo di una Casa discografica che ama la grande musica, i grandi eventi.
03/04/03La Voce del CampoMassimo Biliorsi
Enrico Pieranunzi/ Marc Johnson/ Joey Baron
Around the world, many know that pianist Keith Jarrett's so-called "standards" trio has few peers. It's about time more people discovered one of the "few peers"! For nearly two decades Italian pianist ENRICO PIERANANUNZI has been making different, but similiarly-sublime music with his American friends, drummer JOEY BARON & acoustic bassist MARC JOHNSON. His empathic, ever-alert trio mostly plays {& playfully converses, via..} the leader's compositions. The never-domineering Pieranunzi is equally gifted as composer & improvising player. Not merely "pretty", the music is deeply beautiful - very emotional, never just sentimental. "CURRENT CONDITIONS" is a superb recording of a concert in Rome. Like just about any exponent of the art of the piano trio, Pieranunzi has been influenced by Bill Evans. As a young prodigy, Marc Johnson was the last bassist in Evans' trio {& the one Evans himself regarded most highly, after Scott La Faro}. But the leader's compositional gifts & individual, decidedly-European sensibility ensure Pieranunzi's trio is not in Evans' - nor anyone else's - shadow.
03/06/03www.abc.net.au
Current Conditions
Registrato dal vivo negli studi RAI di RadioTre nel novembre 2001, Current Conditions costituisce l'ennesima riuscitissima prova per un collaudato trio che mostra di percorrere una propria strada ormai diretta verso composizioni poco strutturate. Certo si riconosce in molti brani la personale scrittura di Enrico Pieranunzi, tuttavia rispetto a lavori degli anni '80 come New Lands e Deep Down - in cui c'era una particolare attenzione per il canto - qui molti temi sembrano piuttosto dei pretesti per descrivere uno stato d'animo, per portare l'ascoltatore in dimensioni più libere.

Tutto ciò è ovviamente possibile per tre musicisti di livello assoluto come Enrico Pieranunzi, Marc Johnson e Joey Baron che, tutti nel pieno di una prestigiosa carriera e forti di una conoscenza reciproca ormai ventennale, contribuiscono in egual misura alla costruzione (vuoi in scrittura, vuoi in esecuzione) dei brani di questo CD, da ascoltare tutto d'un fiato, quasi come se si trattasse di una lunga suite.

Tra i brani ricordiamo Simul, Night After Night ed If Only For A Time per la dimensione intimista, How Can You Not? ed Alle rive lontane per la linearità del canto, Joey's Magic Tricks e Trio Reflections per le atmosfere libere. Ma c'è una cosa che li lega tutti più di ogni altra: lo straordinario senso dell'interplay dei tre musicisti e la conseguente mancanza di uno strumento leader, con Johnson e Baron che non si limitano ad accompagnare Pieranunzi, riuscendo a suonare 'sopra la musica'.
Il tutto per un lavoro molto bello e difficile da raccontare.
17/07/03allaboutjazz.com/italyFrancesco Varriale
Current Conditions
Enrico Pieranunzi (piano), Marc Johnson (bass), Joey Baron (drums) Recorded live in Rome 28th November 2001 This is another collection of elegant minor key melancholy from the trio that brought us the excellent "Plays Morricone" a few months back. Performed in front of a live studio audience this recital is made up entirely of original pieces composed mainly by the pianist but with a couple of individual contributions by his colleagues and two pieces of collective improvisation credited to the trio as a whole. If, like me, you appreciate introspective, intelligent piano jazz of the Evans, Jarrett, Mehldau variety then this record will sit happily within your collection and be deemed a most satisfactory purchase. If I have any reservations it is because the melodies don't quite match the drama and pathos of the Morricone pieces and pale a little in comparison, furthermore some like "Alle Rive Lontane" and "If Only For a Time" with their literary allusions, though beautiful at a superficial level have a vacuity at their core which represents a triumph of style over substance. It is, however a varied programme and though Peiranunzi may favour languid, floating phrases he still makes room to swing as in "Ravels Walk", Johnson's take on "So What" in which the trio demonstrate their impressive hand in glove rapport. Here block chords and bluesy phrasing contradict everything I've said so far. All the trio's combined virtues are brought together in "Illusions Market", a title lifted from a newspaper article. It has a rolling country blues feel and the best way I can convey an impression of the piece is to ask you to imagine a meeting between Floyd Cramer and Bud Powell. "Simul" is a lilting waltz-like exercise in the superimposition of major and minor keys with beautifully restrained drumming from Baron whilst "What's Really Going On ", being an allusion to the troubled headlines of the world press, is a spiky "Glass Enclosure" type theme employing dissonant chords ending in a free jazz section with arco bowing from Johnson and somewhat more feverish work at the traps. "Joey's Magic Tricks" and "Trio Reflections" are two more pieces in this vein the latter having a super walk on part for Johnson who demonstrates yet again that he is one of the great contemporary bass players. The record ends with another swinger, Joey Baron's "Broken Time" Starting out in conventional 4/4 an exciting Brubeckian tension emerges between the three instrumentalists and these time and tempi variations are accomplished with such élan that one realises that if this group sticks together and get the exposure they deserve they will soon be earning a place in the piano trio pantheon. Recorded in front of rather restrained audience (not a single whoop, holler, whistle to be heard) both sound and playing time is excellent as is the Super Jewel Box packaging favoured by Cam Jazz.
01/08/03www.editmanager.co.ukEuan Dixon
Current conditions
recorded live in Rome before a polite audience - radio audiences always are - Current Conditions features what Enrico Pieranunzi has called "the trio of my heart", with Marc Johnson on bass and Joey Baron on drums. It also marks something of a change of direction, ora at least a broadening of his concers away from the deep vein of Romantic melancholia which he's been mining. This was apparent from last year's Enrico Pieranunzi tribute Play Morricone on the same label, which showed a new-found exuberance. Most compositions are by Pieranunzi but there are also what I assume are two free improvvisations credited the three musicians, "Joey's Magic Tricks" and "Trio Reflections". Presented with these in a blidfold test, I don't think Pieranunzi would have been my first guess. Other pieces are more characteristic however. As Ira Gitler aptly puts it in his sleevenote, the pianist presents the dance-like theme of the opening track. "How Can You not?2 as if it were an objet d'art which he is turning in his hands to fully display it. "Alle Rive Lontane" is one of Pieranunzi's many literary titles, from a poem by the French poet St. John Perse which means "dedicated to faraway shores"; it's one of those beautifully plangent minor-Key compositions which are so compelling. The eerily effective "Simul" is taken from Old Latin for "togheter" - the pianist is fascinated by languages - and reflects the simultaneous major/minor tonality of one section, which Pieranunzi found generated surprising effects. The album also includes one piece by Joey Baron, "Broken Time", and Marc Johnson "Ravel's Walk", on which Pieranunzi comments that it's 2a musical situation instead of a tune" - a modal piece that draws on MIles davis' "So What". Though I don't quite place Current Conditions on the level of the magnificent Play Morricone, it maintains a very high standard of improvisational freedom.
04/04/03Jazz reviewAndy Hamilton
Current Conditions
Pieranunzi, bassist Marc Johnson and drummer Joey Baron are typically on song in this live concert recorded in Rome just over two years ago. Eight originals by the pianist, plus one each by Johnson and Baron, and two collectively improvised performances, are examined with exuberant elegance and freedom by a trio not short on either ideas or empathy. Pieranunzi's compositions, especially, call forth a variety of mood and response, ranging from the gracefully gliding How Can You Not?, a tartly ominous Simul and the hard-edged, vinegary What's Really Going On, to some truly gorgeous ballads, including standouts When You Look at Me and If Only for a Time. Perhaps the trio doesn't achieve the creative tension of their Play Morricone album, but this is still well worth having.
05/02/04The Irish TimeRay Comiskey
Current Conditions
Registrato dal vivo negli studi RAI di RadioTre nel novembre 2001, Current Conditions costituisce l'ennesima riuscitissima prova per un collaudato trio che mostra di percorrere una propria strada ormai diretta verso composizioni poco strutturate. Certo si riconosce in molti brani la personale scrittura di Enrico Pieranunzi; tuttavia rispetto a lavori degli anni '80 come New Lands e Deep Down - in cui c'era una particolare attenzione per il canto - qui molti temi sembrano piuttosto dei pretesti per descrivere uno stato d'animo, per portare l'ascoltatore in dimensioni più libere. Tutto ciò è ovviamente possibile per tre musicisti di livello assoluto come Enrico Pieranunzi, Marc Johnson e Joey Baron che, tutti nel pieno di una prestigiosa carriera e forti di una conoscenza reciproca ormai ventennale, contribuiscono in egual misura alla costruzione (vuoi in scrittura, vuoi in esecuzione) dei brani di questo CD, da ascoltare tutto d'un fiato, quasi come se si trattasse di una lunga suite. Tra i brani ricordiamo "Simul", "Night After Night" ed "If Only For A Time" per la dimensione intimista, "How Can You Not?" ed "Alle rive lontane" per la linearità del canto, "Joey's Magic Tricks" e "Trio Reflections" per le atmosfere libere. Ma c'è una cosa che li lega tutti più di ogni altra: lo straordinario senso dell'interplay dei tre musicisti e la conseguente mancanza di uno strumento leader, con Johnson e Baron che non si limitano ad accompagnare Pieranunzi, riuscendo a suonare 'sopra la musica'. Il tutto per un lavoro molto bello e difficile da raccontare.
12/04/06www.altrisuoni.orgFrancesco Varriale