Labels > Cam Jazz > Enrico Zanisi > Keywords

Enrico Zanisi

Keywords

Cam Jazz CAMJ 7870-5

Item: full_album_8052405141187_CD

Artists :
Alessandro Paternesi ( Drums )
Enrico Zanisi ( Piano )
Joe Rehmer ( Bass )
Release date
Jan 14, 2014
Duration
0:49:35
Barcode
8052405141187

Keywords. The first that come to mind are: inventiveness, talent, musicality, technique, composition, fusion, courage. You’ll find other keywords by listening to Enrico Zanisi’s brand new record. One could fill an entire review with them. Once again, the very young player from Rome (born in 1990) shows an amazing maturity in leading his trio through the recording of this sumptuous, kaleidoscopic album. With the support of Joe Rehmer on double bass and Alessandro Paternesi on drums, Zanisi built up a sterling recording, which (nearly) consists of original tunes, except for the closing piece, “Träumerei” by Robert Schumann: less than three minutes of elegance in its purest form, as if, at the end of a splendid musical journey, the trio wanted to say that everything starts from there, the old masters. Indeed, technical command over the instrument is derived from a deep-seated classical background, which enables Enrico Zanisi to explore any land with astonishing confidence and awareness, considering that he is only twenty-three years old. (Jazz by new talent is still rich in influences of all kinds.) It’s difficult to recommend one song, rather than another: from its opening, “Claro”, to its closing dedicated to Schumann, this album is a clear round of enlightened, well-written tunes, with airy moods (“Equilibre”), havens of peace (“Au Revoir”) and captivating rhythms (“Power Fruits”). Keywords (is it also a pun with the “keyboard”, of which Zanisi is a master?) is the ideal sequel to Life Variations, recorded a year ago, which displayed a fully blossomed, defined personality. Same concept (Ermanno Basso in the production room, Rehmer e Paternesi as excellent co-leads), up a notch. The Roman pianist is definitely ready to enter the circle of Italy’s top jazzmen, as already stated by Musica Jazz magazine in 2012.


Recorded in Ludwigsburg on 12, 13 June 2013 at Bauer Studios - Recording engineer Johannes Wohlleben


Cover photo by Andrea Boccalini


Liner notes by Franco Fayenz

Reviews

ENRICO ZANISI TRIO “Keywords”

Laureato con lode in pianoforte classico e piano jazz, il giovanissimo Enrico Zanisi conferma in questo elegante “Keywords” (terzo lavoro a suo nome) la propria vena compositiva e la sua raffinata tecnica pianistica. Proponendo ancora una volta la collaudata formula del piano trio, per altro fra le più utilizzate nell’attuale panorama jazzistico internazionale, Zanisi, Rehemer e Paternesi perpetuano la loro idea progettuale con un serrato dialogo che li pone sotto i severi ma entusiastici riflettori di critica e pubblico. In compagnia del granitico groove del contrabbassista americano Joe Rehmer e dell’irrequieto drummin’ del connazionale batterista Alessandro Paternesi, Enrico Zanisi offre in questo lavoro un gradevole percorso che si snoda nell’alternarsi fra atmosfere dall’ampio respiro linguistico e fasi connotate da coinvolgenti increspature ritmiche d’assieme. Il pianista, nonostante la verde età, mostra una maturità espressiva scevra da fronzoli o colpi a sorpresa, mantenendo il giusto bilanciamento fra lessico e scrittura. A dimostrazione di quanto detto, nel fluire delle dieci tracce si passa dall’arioso manifestarsi di “Claro” e “Equilibre” alla distesa e rilassata esposizione tematica di “Au Revoir”, “Beautiful Lies”, “Magic Numbers”, dall’impetuoso e trascinante andamento di “Power fruits”, ai tre minuti di intensa e struggente poeticità in chiusura d’album con “Traumerei” (tratta dalle Kinderszenen di Robert Schumann). Enrico Zanisi, firmando nove delle dieci strutture presenti nel disco, dichiara a chiare lettere il personale modo di comunicare con il pubblico, sfoggiando un lessico pianistico e una creatività compositiva che racchiudono al contempo complessità ritmica e semplicità melodico-armonica.
A differenza del precedente “Life Variations”, “Keywords” mostra una maggiore consapevolezza nel voler imporre la propria cifra stilistica, nel progressivo consolidarsi di un ben rodato interplay del trio e nella disarmante sfrontatezza nel suonare la propria musica.
La ripresa audio di questo lavoro asseconda il suo contenuto artistico con un’ottima trasparenza timbrica e una rilevante profondità scenica.

26/10/2014NeapolisJazzMagazineFrancesco Peluso
The art of the modern trio

Enrico Zanisi is going back to the roots.
With the large flow of young Italian Jazz musicians pianist Enrico Zanisi appeared on the scene in 2012. As a child he played classical music; he has been practicing chamber music since age 8 in duo with violin, flute, violin and cello trio. He graduated cum laude from the Conservatory of L'Aquila. At the age of fifteen he encountered jazz, and soon after he began to perform in public. He accompanied singer Sheila Jordan, saxophonists David Liebman and Andy Sheppard and numerous Italian jazz musicians. In 2012 Zanisi was acclaimed as "Best New Talent" at the Top Jazz at Orvieto at Umbria Jazz Winter.
In January appeared Zanisi’s third trio-album, Keywords (2014, CAM JAZZ). The 24 year young Italian pianist is accompanied by bassist Joe Rehmer and drummer Alessandro Paternesi, with whom he recorded his well-received album Life Variations (2012, CAM JAZZ).
Zanisi states in his short autobiography on his website that he dreamed of becoming a rock star. Between the end of primary school and the beginning of high school he had set up a group with which he used to play the music of the rock bands Dream Theater, Emerson Lake and Palmer, Genesis and Led Zeppelin. With strong pieces, like “Claro”, “Power Fruits” and “Equilibre” Zanisi proofs that he has not lost his love for rock music.
Zanisi kicks off with “Claro” (Of Course), an up-tempo, solid, catchy piece, with a dominant role for Rehmer.
“Claro” is followed by the slow “Au Revoir” a piece that, as well as “No Truth”, is a nice and calm composition and fits well in the whole of the album because it brings the necessary rest beneath the more powerful pieces.
Then there is the silent “Beautiful Lies”, with a length of 7:07 minutes the longest track of the album, a number that continues to draw attention because of the close interplay of piano and bass. During the long piano- improvisation that is built around a romantic theme Zanisi proves he can effortlessly use different styles next to each other without losing unity.
These different styles come back into the track “Magic Numbers”. The song has a well thought composition. Zanisi begins and ends with a classic theme and his line culminates after a long improvisation in an infectious combination with Paternesi. As in Zanisi's first albums, Romantic composer Robert Schumann is present on Keywords. The piano sound of Schumann resounds in the compositions "Recitativo" and "Beautiful Lies". As encore Zanisi performs a version of "Träumerei", one of Schumann's "Kinderszenen", the well-known opus 15 with which Zanisi has won a prize in the past. This time the solo-piano-piece is accompanied by brushes and bass. The number is separate from the rest of the album and would fit better on Zanisi's debut album Quasi Troppo Serio (2010, Nuccia), which is named after another piece of Schumann’s "Kinderszenen" (Fast zu Ernst), but if it is considered in itself "Träumerei" is an authentic and appropriate tribute to Schumann.
All in all Keywords is a worthy successor of Life Variations. This is the bold sound of three well educated boys affording the freedom to play what they are good at.

1/10/2014jazztimes.com Robin Arends
Enrico Zanisi Keywords

”Keywords” è il terzo album da leader del ventiquattrenne Enrico Zanisi (secondo per la CAM JAZZ dopo “Life Variations” del 2012, registrato con la stessa formazione): il lavoro mantiene il profilo stilistico che caratterizza il pianista romano, in particolare dal punto di vista compositivo. Nell’intervista realizzata da Luciano Vanni per l’uscita di “Life Variations” (cfr. “Jazzit” n. 74, genaio/febbraio 2013) Zanisi diceva, infatti: “Scrivo spesso melodie che si incastrano con i movimenti melodici del basso o delle voci intermedie!, un pregevole modus operandi che si riconferma anche in questo nuovo CD.
L’iniziale Claro ben testimonia la complessità delle composizioni: l’introduzione di contrabbasso lancia un tema molto articolato con belle dissonanze; il brano si sviluppa coerentemente fino a 4’32”, quando un riff ritmico introduce una sezione dalla natura più aggressiva, che conclude la traccia. L’inclinazione a inserire parti differenti nel medesimo brano è ulteriormente sottolineata da Der Teilnehmer, che presenta un tema lieve e uno sviluppo (in netto contrasto) molto spigoloso.
Il trio formato da Zanisi, Rehmer e Paternesi è molto affiatato e l’interplay e la complicità sono particolarmente evidenti: nelle dinamiche, nei chiaroscuri sonori e nella gestione degli spazi, ora molto pieni e intensi, ora più aperti e lirici, come ben si ascolta nella meravigliosa Au revoir. L’introduzione fatata di Equilibre nasconde la reale natura del brano, che si rivela essere un 7/4 dall’andamento funk con linee melodiche complesse e articolate. Un’energia vibrante ma allo stesso tempo contenuta caratterizza invece Power Fruits, con belle parti all’unisono e un esaltante assolo del leader. Magic Numbers mantiene questa attitudine energica, espressa qui con un esemplare crescendo costituito dalla lunga introduzione di pianoforte seguita da un tema brioso, eseguito con la ritmica puntata tutta basata su accenti e stacchi.
Come già nei lavori precedenti Zanisi sfugge alle etichette e riesce a proporre ballad toccanti, brani aggressivi e composizioni più classicheggianti con sicurezza e senza perdere in personalità, al contrario esaltandosi nell’ingegnoso mélange stilistico. Interessante la scelta di rileggere Träumerei, una composizione di Robert Schumann, che dimostra il tocco perfetto del leader, a suo agio anche in repertori distanti da quello jazzistico: del resto Zanisi è diplomato in pianoforte classico e laureato in jazz, e riesce bene a identificarsi come equilibrato e raffinato trait d’union tra i due mondi, avendo elaborato una poetica elegante e allo stesso tempo intensa. Particolarmente ben riuscita è la registrazione, realizzata presso i prestigiosi Bauer Studios di Ludwigsburg.

2/10/2014JazzitEugenio Mirti
Enrico Zanisi Keywords

La "musica forte". Nelle attente e meticolose note di copertina, Franco Fayenz, che non abbisogna di presentazioni ed elogi, ricorda come "gli esperti più avveduti" appellino oggi in tal modo la musica classica. Mettiamo da parte la bontà e la pertinenza dell'aggettivo, per lasciare indossare il concetto alla musica di Enrico Zanisi: ecco, qui calza a pennello. Enrico Zanisi ha ventiquattro anni: per le età del jazz è un adolescente, e non sono di tanto più vecchi Joe Rehmer (che ne ha trenta) e Alessandro Paternesi (trentuno primavere). Un trio fresco, giovane: sì, ma con tanto mestiere alle spalle. Almeno così s'ascolta sin dalle prime note.
Le mani di Zanisi sono da "musica forte", perché i suoi studi sono anche nella classica, che appare sempre meno distante dal jazz (ammesso che vi sia stata una vera e proprio lontananza), e la sua diteggiatura non lo nasconde. In verità, anche le sue composizioni parlano un linguaggio che polverizza ogni distinzione di generi. Diretto e immediato, forbito quanto basta già dal brano d'esordio: Claro che lascia suonare la migliore Mitteleuropa tardoromantica con incalzanti spezzature ritmiche e metriche che sono sottolineate dall'imperioso lavoro di Rehmer e Paternesi. Tinte corrugate e pensose in Au revoir, che danno luce alla precisione e alla cura del suono del pianista, che – per sua ammissione – sognava i Dream Theatre. La straordinaria maturità "immatura" di Zanisi libera un florilegio di note che si susseguono con tale garbo e nitidezza da intersecarsi alla perfezione nelle sue strutture compositive: Beatiful Lies ne è la riprova; così come Equilibre, focosa e ardita che si annida nella fusion, ma anche nelle pieghe dei migliori dettami scandinavi, seguono la scia Power Fruits e la gioiosamente spigolosa Magic Numbers, dove il repertorio pianistico jazz viene sciorinato a puntino. Il gioco telepatico tra i tre riesce a meraviglia anche nei tempi più slow con le spazzole di Paternesi a disegnare perfetti cerchi ritmici, e con la linea di basso di Rehmer, piena, rotonda e dalle maglie larghe (No Truth). La traccia melodica marcata viene fuori meglio nel piano solo di Recitativo. L'impressione è che Zanisi possa permettersi tutto e con estrema facilità. Il suo linguaggio è personale, nonostante i paragoni e le similitudini si sprechino (ma in Italia non se ne sa fare a meno).
Nove brani originali e una sola "cover": Träumerei che appartiene a Robert Schumann. E questa parla più di qualsiasi ulteriore spiegazione.

22/7/2014jazzitalia.netAlceste Ayroldi
Zanisi, buona la seconda

Doveva essere la prova del nove, e più o meno con le stesse peculiarità dell’acclamato esordio Enrico Zanisi ha superato l’ostacolo del secondo album. Miglior talento emergente nel referendum di Musica Jazz dello scorso anno con Life Variations, punta di diamante delle giovani scoperte in casa CAM JAZZ insieme ad un’altra promessa del pianoforte come Alessandro Lanzoni, non era né facile né scontato che riproponesse un buon lavoro. Keywords invece, concettuale già dal titolo, non è passato inosservato confermando la maturità del pianista romano: come strumentista, autore e leader dal momento che il trio con Joe Rehmer al contrabbasso e Alessandro Paternesi alla batteria è rimasto invariato. Ci sono dieci tracce (nove originali e un omaggio in chiusura a Schumann) che ribadiscono uno stile virtuoso alla tastiera e un fraseggio robusto: fatto di un pendant certamente accademico che tradisce la formazione classica di Zanisi, l’uso (troppo?) disinvolto degli obbligati e un’intensità ritmica che apparenta lui e il trio quasi più a una rock band che a un tradizionale flusso swing. Enrico Zanisi è in buona compagnia: negli ultimi anni l’Italia ha prodotto fior di pianisti (figura abbondante anche in passato in realtà), alcuni di questi cominciano a essere apprezzati anche a livello internazionale. Primo passo che speriamo scardini il conservatorismo di certi cartelloni live e porti alla necessaria ribalta su palcoscenici importanti.

23/5/2014il Fatto QuotidianoAndrea Di Gennaro
Enrico Zanisi Keywords

Dopo il diffuso apprezzamento e i premi ricevuti come rivelazione lo scorso anno, Zanisi rimette in pista il proprio trio in questa nuova prova discografica e sembra davvero mantenere le promesse. La giovane età dei componenti non deve far pensare a un gruppo alla ricerca di un’identità. Tutt’altro: la proposta è matura e succosa, dal punto di vista sia compositivo – grazie alla felice vena del leader che ancora una volta propone quasi esclusivamente musica originale (fa eccezione uno Schumann riletto in trio con la dovuta sensibilità) – sia della brillantezza esecutiva.
I tre modulano agilmente da atmosfere rilassate che valorizzano la bella sonorità del pianista, chiara e rotonda, a momenti più agitati, ritmicamente complessi, nei quali è Paternesi a ritagliarsi un ruolo propulsivo, sempre fantasioso e stimolante. Ulteriore valore aggiunto è rappresentato dalla grande cura riservata alla sonorità della registrazione (lo studio usato è garanzia assoluta da questo punto di vista). Sarà interessante seguire la formazione dal vivo, contesto nel quale questo approccio, tutto giocato su un delicato equilibrio fra parti scritte e momenti improvvisati, può esaltarsi ed evolvere naturalmente.

3/4/2014Musica JazzAntonio Iammarino
Enrico Zanisi Trio, Keywords

Sembra aver trovato la chiave di volta di un’inarrestabile crescita musicale il pianista e compositore Enrico Zanisi che ancora una volta, con questo “Keywords”, compie un ulteriore passo avanti in una direzione artistica e formale che intuiamo arriverà molto presto ad avere valore esemplare. Essenziale e appassionato, se a questi due termini è concesso coesistere anche solo per una breve frazione temporale, questo nuovo lavoro in trio con Joe Rehmer (contrabbasso) e Alessandro Paternesi (batteria) è conferma e scoperta al tempo stesso di alcuni aspetti ormai indissolubilmente legati alla musica di Enrico Zanisi: una padronanza totale dello strumento, la rara capacità di esaltarne contemporaneamente le valenze ritmiche e quelle lirico espressive, una vena compositiva prolifica ed estremamente personale. Sui dieci brani di “Keywords” nove sono firmati proprio da Zanisi, l’unica eccezione il finale “Träumerei” del compositore tedesco Robert Schumann, omaggio al retaggio classico di provenienza del pianista, esempio di come tesaurizzare al massimo elementi formativi acquisiti da contesti distanti dallo stile jazzistico.
Proprio Schumann aveva detto: “Io sempre ho cercato, in tutte le mie composizioni, di lumeggiare non soltanto una forma musicale ma anche un’idea” ed Enrico Zanisi fa questo: mette in musica le sue idee, creando temi di rara bellezza, partendo talvolta da una semplice cellula melodica esplorata nelle sue infinite possibilità di sviluppo, nei brani più ritmici, altre volte traducendo frasi musicali in convincenti narrazioni estese che sono un osservatorio privilegiato per comprendere la sua visione del mondo alla quale sono strettamente connesse inventiva, ispirazione e curiosità, oltre a quel rigore che la musica sempre reclama. Il trio funziona perfettamente come compatto insieme di voci che si incastrano a formare un unicum inscindibile, grazie all’abilità e all’apertura di artisti come Joe Rehmer e Alessandro Paternesi.

4/3/2014pianosolo.itPaola Parri
Le parole chiave del jazz secondo Enrico Zanisi

Il giovane pianista in trio realizza il suo secondo disco spaziando tra i generi. Grande tecnica e inventiva in crescita.
A un anno di distanza da quel “Life Variations” che lo ha imposto all’attenzione di pubblico e critica, Enrico Zanisi, acclamato come “Miglior nuovo talento” al Top Jazz 2012, ecco un nuovo lavoro di zecca. Stessa formazione – lui al pianoforte, Joe Rehmer contrabbasso, Alessandro Paternesi batteria – e stesso produttore, Ermanno Basso. In due giorni nasce Keywords (9 brani originali a firma di Enrico Zanisi e a chiudere un omaggio a Robert Schumann, Träumerei). La promessa di un jazz che non ha paura di spaziare con curiosità nell’esplorazione di altri orizzonti diventa certezza. Un giovane pianista, è nato nel 1990, ma che grazie a una grande padronanza tecnica gli permette di avventurarsi in ogni territorio con sicurezza e ormai matura consapevolezza.
Si è sempre raccontato come “Uno per cui la curiosità è elemento importante, stimolo a non lasciarsi sedurre troppo dalle cose, a non chiudersi dentro posizioni nette e precise. Ovviamente ho anch’io una mia personale visione della musica e della vita, però sento altrettanto forte la necessità di guardarmi intorno, di mettere in gioco le mie idee”. E ancora una volta lo dimostra.
Le sue composizioni non sono mai un monolite calato dall’alto, ma, come dovrebbe essere ogni volta che si parla di jazz, una possibile linea che si propone al confronto con le altre sensibilità del trio. Il risultato è musica viva e partecipata, quel luogo ideale dove ogni contributo è elemento fondante di un linguaggio inclusivo, democratico per sua stessa natura.
Una strada già sperimentata con risultati più che eccellenti nel già citato Life Variations, e che nel nuovo Keywords il trio ripercorre con maggiore consapevolezza. Sono tre giovani musicisti ma traboccano creatività e conoscenza. Torna alla mente quello che qualche tempo fa raccontava lo stesso Zanisi: “Alessandro Paternesi e Joe Rehmer sono due ragazzi molto aperti e attenti, e lasciano che la musica prenda la direzione che deve prendere, senza ingabbiarla o costringerla all’interno di schemi etichettabili. Per loro, come per me, è fondamentale il desiderio di conoscere molta musica, di sapersi confrontare con tanti generi e linguaggi diversi, di volere veramente ampliare i propri orizzonti”.

13/2/2014l’UnitàPaolo Odello
Enrico Zanisi Trio: Keywords

Pianist Enrico Zanisi doesn’t necessarily want to change the world. Those familiar with the lineage of the piano trio, stretching from Bill Evans through Keith Jarrett to Brad Mehldau, will recognise the aesthetic here: singing melodies and extended harmony blended in a cauldron of free-flowing grooves and group interplay. Okay, so Zanisi and his regular partners (bassist Joe Rehmer and drummer Alessandro Paternesi) are more likely to rock than swing, but it’s a loose, open kind of funk that leaves plenty of room for light and shade. Over it, the young Italian’s melodies have a crystalline clarity, uncluttered by gratuitous technique. There’s plenty under the hood, but it’s always put to the service of the music. If Zanisi keeps this up, he’ll be well on his way to adding to the trio lineage he reveres.

7/2/2014irishtimes.comCormac Larkin
Le novità in casa CAM Jazz

Il 2014 si apre, per la prestigiosa etichetta “nostrana” con due uscite di particolare rilievo dedicate l’una ad un artista straniero, l’altra ad un italiano a conferma dell’attenzione con cui questa casa discografica segue l’evoluzione del jazz nelle sue più svariate articolazioni.
…Il musicista italiano è anch’egli un personaggio caro al pubblico degli appassionati e dei critici che gli hanno già assegnato il premio come “Miglior nuovo talento” in occasione del Top Jazz 2012: Enrico Zanisi che nello scorso giugno ha inciso “Keywords” unitamente a Joe Rehmer al basso e Alessandro Paternesi alla batteria. Come ben sanno quanti seguono il jazz, la formula del piano-basso-batteria è forse l’organico più usato nel mondo della musica afro-americana, un organico, quindi, ampiamente collaudato e perciò di sicuro affidamento… ma allo stesso tempo scivoloso e assai impegnativo per i confronti inevitabili che propone. Ecco, partendo da queste considerazioni, occorre dire che il giovane pianista ancora una volta se l’è cavata assai bene ricorrendo ad un repertorio fatto per nove decimi da sue composizioni cui ha aggiunto un brano di Schumann eseguito con delicatezza e trasporto. Ma veniamo al grosso dell’album: Enrico ha confermato alcune doti già emerse nel precedente album “Life Variations”, vale a dire una bella facilità di scrittura, una preparazione di base eccellente (è laureato con lode sia in pianoforte classico sia in jazz) ma soprattutto una maturità interpretativa che gli consente di mai esagerare, di tenere sempre il giusto equilibrio tra tecnica e sincerità d’ispirazione, cosa rara specie nei giovani che con tutta probabilità sentono ancora il bisogno di stupire l’ascoltatore. Ecco, come si accennava, questa tentazione sembra lontana dalle intenzioni di Zanisi che scrive temi particolarmente rilassati e suadenti quali “Au Revoir”, “Beautiful Lies” e “Magic Numbers”; ma questa stessa coerenza la si riscontra anche quando si dedica a composizioni più mosse e trascinanti quali “Power Fruits”. Insomma un altro significativo artista che va ad arricchire il già folto gruppo di giovani pianisti italiani capaci di dire qualcosa di originale.

17/1/2014online-jazz.netSimone Minzi
Zanisi giovane fenomeno

Ecco il terzo cd a nome del pianista Enrico Zanisi, 23 anni, vincitore del Top 2012 della rivista Musica Jazz fra i nuovi talenti. Un bel primato. Enrico appare sempre più sicuro di sé come pianista, direttore di ottimi musicisti e compositore. Qui sono suoi nove temi su dieci e il decimo è il Traumerei dalle Kinderszenen di Robert Schumann. Consiglierei di ascoltare questo per primo, in quanto simbolo del percorso di Enrico dall’educazione classica al jazz.

16/1/2014il GiornaleFranco Fayenz
Keywords il nuovo album di Enrico Zanisi, in tour da febbraio

Si chiama Keywords il nuovo album di Enrico Zanisi, in uscita martedì 14 gennaio per la CAM JAZZ. Il tour di Keywords partirà a febbraio da Bologna.
Dopo il successo del precedente Life Variations e il titolo Top Jazz come "miglior nuovo talento" 2012, il giovane pianista romano, classe 1990, stupisce ancora una volta pubblicando l'atteso nuovo album in trio con il contrabbassista americano Joe Rehmer e il batterista Alessandro Paternesi.
Keywords sono le parole chiave che Enrico ha riconosciuto nel suo presente. Dopo i cambiamenti inaspettati della vita (Life Variations), Enrico ha trovato dei punti fermi che ha racchiuso in dieci parole, dieci brani che coronano un album ispirato e compiuto. Un percorso netto tra atmosfere ariose (Equilibre), oasi di quiete (Au revoir) e ritmi trascinanti (Power fruits), con un unico spazio lasciato in chiusura allo spartito della Träumerei di Robert Schumann: tre minuti di eleganza pura. A prova che con la musica, molto più che con lingua parlata, si possano esprimere concetti ed emozioni forti, Zanisi dimostra di possedere l'arte di racchiudere ed esprimere il complesso nella semplicità.
Ho intuito la sua facilità di comporre temi stupendi – dichiara il noto critico musicale Franco Fayenz - questa dote uno ce l'ha in sé oppure è meglio che nemmeno ci provi. Ho ammirato la bellezza del suono, un'altra dote che uno ce l'ha, altrimenti non se la può dare. Ho guardato il suo modo impeccabile di mettere le mani sui tasti, proprio dei pianisti veri. Ho capito che sa resistere al fascino del grande strumento che può indurre chi osa toccarlo a esagerare. E' un equilibrio che si consegue con la maturità ma Enrico ce l'ha già. Sa limitare la sua poetica alle "note necessarie" e tutto lascia sperare che continui.
Parliamo di jazz, quello dei nuovi talenti. Sempre ricco di influenze di ogni genere. Cresciuto ascoltando anche gruppi come gli Emerson Lake Palmer, i Genesis e i Led Zeppelin, Zanisi ha intrapreso un iter di studi completo, diplomandosi con lode in pianoforte classico e laureandosi, sempre con lode, in jazz. La padronanza tecnica dello strumento, quindi, arriva da lontano, da una formazione che permette a Enrico di avventurarsi su ogni territorio con sorprendente sicurezza e consapevolezza.
Premiato con il Top Jazz come Miglior Nuovo Talento 2012 ad Orvieto in occasione di Umbria Jazz Winter 2012, Enrico ha continuato ad ottenere successi di pubblico, in Italia e all'estero, in molti altri festival tra i quali l'European Jazz Expo di Cagliari, l'Auditorium parco della Musica di Roma, Umbria Jazz 2013, il Festival MITO a Milano e il 12 Points Festival di Dublino, solo per citarne alcuni.

13/1/2014parolibero.itredazione