Labels > Cam Jazz > Claudio Filippini > Breathing In Unison

Claudio Filippini

Breathing In Unison

Cam Jazz CAMJ 7874-5

8052405141248 - Breathing In Unison - CD

Artists :
Claudio Filippini ( Piano, Fender Rhodes, Keyboards )
Olavi Louhivuori ( Drums )
Palle Danielsson ( Double Bass )
Release date
Apr 8, 2014
Duration
0:48:51

The association between CAM JAZZ and Claudio Filippini is growing to an increasingly greater depth. The same applies to the collaborative relationship between the piano player from Italy’s Abruzzi region and the Scandinavian rhythm section consisting of the great Palle Danielsson on double bass and Olavi Louhivuori on drums. After approximately one year, “Breathing In Unison” is the ideal sequel to the outstanding Facing North.

Its concept is quite similar, too. Filippini took on writing all of the tunes in “Facing North” (except for a couple of pop classics and a couple of jazz standards). Here, the game is played again, with a significant extra, the superb “Night Flower” by Louhivuori. And with the usual mention of the pianist’s musical bents, whether pop, rock or jazz. So, there flow a wonderful “As Time Goes By”, but also an intriguing “Poses”, borrowed from that angelic-voiced man, Rufus Wainwright. This album includes two timeless hits that have weathered six decades of the history of song: “Secret Love”, originally sung by Doris Day and more recently re-evaluated by Mika, the star of Lebanese origin, and “A Time For Love” sung by Tony Bennett and Kurt Elling, previously performed by Oscar Peterson and Milt Jackson, among others. This album closes with the soul tune “At The Dark End Of The Street”, made successful by legends such as Aretha Franklin and Bruce Springsteen.

Claudio Filippini has proven himself to be an enlightened, talented musician, among the greatest in new Italian jazz. His empathy with Danielsson and Louhivuori – the former being a real reference in European jazz, the latter one of the most intriguing emerging performers of the Nordic scene – is taking increasingly interesting forms. Besides, the title of this album must not have been chosen by chance. It recalls the strong affinity among the three players, who understand each other quite well by now and have produced a recording of thorough enjoyment.


Recorded in Ludwigsburg in April 2013 at Bauer Studios
Recording engineer Johannes Wohlleben


Cover photo by Andrea Boccalini


Liner notes by Brian Morton

Reviews

Claudio Filippini Breathing In Unison

Stessa spiaggia e stesso mare: così anche Filippini si rimette in pista con un nuovo album in trio, a un paio d’anni da quel “Facing North” che in comune con questo ha i medesimi complici, il veterano svedese Danielsson e il giovane finnico Louhivuori. Quello del trio è un progetto transnazionale e autenticamente europeo, registrazione compresa. Transnazionale e senza tempo è anche il repertorio, dove, accanto a temi originali (quattro del leader, mentre l’onirico Night Flower è del batterista), si ascoltano standard vecchi e nuovi.
L’amore è la falsariga su cui tutto si sviluppa. Un sentimento declinato tra nostalgia (la rilettura di As Time Goes By), intimità (Secret Love, successo di Doris Day ripreso da Mika) e leggerezza (Poses, dal repertorio del canadese Rufus Wainwright). Un sentimento che non scade mai nel sentimentalismo e che il trentaduenne pianista di Pescara padroneggia con mano sicura, nella linea accademica del pianismo bianco e con il pensiero rivolto a Bill Evans.

4/7/2014Musica JazzIvo Franchi
Claudio Filippini Trio Breathing In Unison

”Breathing In Unison” è il seguito di “Facing North” (CAM JAZZ, 2012) e del precedente lavoro mantiene sia la formazione sia le atmosfere sonore, orientate verso un mood rilassato e leggero che privilegia chiaroscuri sonori e suggestioni melodiche. Il repertorio è ancora una volta organizzato da Filippini in maniera bilanciata tra brani originali e riletture di varia natura, e come sempre l’accento maggiore è dato allo sviluppo melodico, a volte molto complesso (come in A Time For Love) ma sempre irresistibile. Le atmosfere solari di Secret Love si alternano ai momenti più malinconici e riflessivi di At The Dark End Of The Street, fino ad arrivare alle modalità più misteriose e quasi free di The Sleepwalker, che prevede un bel tema esposto dal contrabbasso con l’arco tutto basato sulle “corone” ritmiche (i momenti musicali che si dilatano a piacere dell’esecutore). Il titolo (pertinente) del disco cita un verso di Thomas Stearn Eliot, ed è evidente come Filippini, Danielsson e Louhivuori riescano a esprimere in questo nuovo lavoro un interplay ancora più ispirato e leggiadro, come ben esemplifica l’ascolto di As Time Goes By.

30/6/2014Jazzit Eugenio Mirti
Claudio Filippini Trio Breathing In Unison

It should no longer be news that there are so many world-class Italian piano players. But in the United States, we keep getting startled when yet another hits the radar, usually when they move from record labels distributed only in Europe to companies like ECM or CAM Jazz. To a list that includes Stefano Bollani, Enrico Pieranunzi, Danilo Rea, Stefano Battaglia and Giovanni Guidi, add another name: Claudio Filippini.
Compared to his countrymen above, he is a less clearly differentiated voice and a more cautious improviser. But his virtues are seductive. They include poise, taste, a flowing elegance that sounds innate and an ability to just touch a melody and bathe it in new golden light. Sometimes those melodies are his own, like “South Michigan Avenue,” a slow, dramatic hovering. Often they are old standards or songs on the margins of pop culture, like Rufus Wainwright’s “Poses.” With minimal improvisation, Filippini turns Wainwright’s introverted, twisted little tune into something large and lush. “As Time Goes By” seems an improbable choice. But Filippini parts with it so reluctantly, a phrase at a time, that each hesitation is taut with emotional suspense. The resolutions arrive like revelations.
Palle Danielsson and Olavi Louhivuori come from deep within this album’s intimate atmosphere. Danielsson’s counterlines are concurrent alternative poetry. As a bass soloist he can freeze you in your chair, pizzicato (Louhivuori’s “Night Flower”) or arco (Filippini’s “The Sleepwalker”). Luohivuori, one of the most exciting young drummers in jazz, usually works in louder, edgier settings. He is sensitive and subtle here, placing accents with his brushes in unexpected perfect places.
Johnny Mandel’s “A Time for Love” is rapt. Filippini lets the melody chime out again and again, releasing it from where it has long resided, in the heart. You keep changing your mind about your favorite track on Breathing in Unison.

30/6/2014jazztimes.comThomas Conrad
Claudio Filippini Breathing In Unison

Due anni rappresentano una distanza temporale impercettibile, quasi insignificante, ma che nel nostro caso è servita ad armonizzare le sensibilità musicali e a calarsi nelle reciproche intimità per assaporarne il piacere della conoscenza. Due anni di concerti e di lavorazione nei Bauer Studios di Ludwigsburg; poi, la vita che ti sorprende e ti cambia regalandoti la gioia di diventare padre. Breathing In Unison è il nuovo album di Claudio Filippini e del suo trio, dedicato alla sua piccola Maia. Un disco che segna un nuovo capitolo nella storia del pianista pescarese e dei suoi compagni d’eccezione: Olavi Louhivuori alla batteria e Palle Danielsson al contrabbasso. Sorprende la loro capacità di sentirsi e interagire, la libertà concessa ai loro sonagli creativi trasforma la materia sonora e brillante esperienza empatica. Il pianismo di Filippini rende ogni nota un’espansa carezza che rimane dentro chi ascolta covandone le meraviglie. Una storia che riprende da dove si fermò (il brano di apertura Modern Times #evolutions era l’ultima traccia del precedente album), ogni composizione rimanda all’amore totale: la title track dell’album è ispirata alla moglie Luisiana e il titolo prende spunto da un verso di una poesia di T. S. Eliot, A Dedication To My Wife; South Michigan Avenue ricorda una passeggiata per la Art Institute, ispirata alla visione di American Windows di Chagall, mentre At The Dark End Of The Street è una reinterpretazione, un brano dedicato a Cristian Panetto, sassofonista di Spoleto che è scomparso proprio mentre Filippini stava lavorando al suo disco.

20/6/2014SuonoDaniele Camerlengo
Claudio Filippini Trio Breathing In Unison

It has been a long journey since Filippini debuted his trio in 2003 with Love is the Thing and the Blues Too. Back then the 21-year old was winning awards and prizes as if there was no tomorrow. And no wonder. Firmly within the swinging jazz tradition, the young pianist impressed with a level of coherent virtuosity rare in one so young that was married to a powerfully compelling swing. He was clearly a talent to watch. Derivative at this stage in his career, yes, but he clearly had something to say and the skill with which to say it. Ten years later he emerged with Facing North and it was clear he had developed a very personal voice within jazz on what was his CAM JAZZ debut with Danielsson and Louhivuori. If anything Breathing In Unison simply serves to underline the coming of age of this major jazz talent from Italy, but more than that it highlights an ensemble of genuine substance capable of framing the pianist’s flights of invention to best advantage. Together with the exemplary Danielsson – who shot to international prominence with Keith Jarrett in the 1970s – and the Finnish drummer Olavi Louhivuoiri – who first attracted attention as a member of the Ilmiliekki Quartet and has gone on to be one of Europe’s ‘go to’ drummers – Filippini has developed a rhapsodic approach that is both expressive and moving as he spins endless compelling variations that draw the listener into the heart of his improvisations. You have to be someone special to fearlessly draw on ‘As Time Goes By’ or ‘Secret Love’ without lapsing into cliché, but the way Filippini claims these songs as his own says much about his increasing stature as an artist.

4/6/2014JazzwiseStuart Nicholson
Claudio Filippini Trio: Breathing in Unison

North meets south in Italian pianist Claudio Filippini’s trio, with eminent Scandinavians, bassist Palle Danielsson and drummer Olavi Louhivuori laying down some rugged Nordic grooves under the leader’s heart-on-his-sleeve romantic- ism. Danielsson in particular is a direct link to the Keith Jarrett quartet in the 1970s, to which Filippini has clearly listened intently. In these days of furious, often wreckless charging into the artistic unknown, the Italian’s “inside” playing, with singing melodies and rich diatonic harmonies, will be balm to some exhausted ears. It will be too sweet for others, who may say it has all been done before, but for the romantically inclined, that’s no reason no to do it again, particularly if it’s done this well.

16/5/2014irishtimes.comCormac Larkin
Breathing In Unison il miracolo di un trio jazz

Un disco di respiro internazionale con Filippini, Danielsson e Louhivuori tra classici e titoli della memoria più recente
Già nella scelta del titolo si sottolinea la profonda coesione del trio. Affinità già sperimentata nel primo lavoro registrato con Danielsson e Louhivuori soltanto un anno fa, Facing North, e oggi arrivata a maturazione. Con Breathing In Unison il trio supera, e finalmente demolisce, tutti quegli steccati che vorrebbero gli artisti sempre zavorrati da aggettivazioni che li ancorano a un'appartenenza nazionale. In un continuo scambio di ruoli sparisce la passionalità mediterranea e il luogo comune della freddezza nordica e rimane spazio solo per il jazz. Luogo ideale dove le differenti sensibilità trovano il terreno ideale per esprimersi in un libero confronto fra pari, dove è sufficiente evocare una melodia popolare per dar vita a una grande session. Breathing In Unison si presenta per quello che è, racconto in musica di un incontro tra musicisti uniti da un comune sentire. E ripropone il miracolo che soltanto il jazz può realizzare, riprendere in mano gli accordi di melodie lontane nel tempo, o così abusate da apparire ormai banali e scontate, e riportarne a galla i sapori più nascosti. Mentre in Facing North Filippini si era fatto carico di comporre tutti i brani - con l'eccezione di un paio di classici pop e due standard jazz - con Breathing In Unison il gioco si spinge oltre, solo per il piacere di suonare e di «respirare insieme». A quelli composti dal pianista (Modern Time Evolutions, Breathing In Unison, The Sleepwalker, South Michigan Avenue) si aggiungono quello a firma Louhivuori (Night Flower) e una carrellata di titoli ripresi dalla memoria più o meno recente. Scorrono così una splendida rivisitazione di As Time Goes By (Herman Hupfeld), una quanto mai accattivante Poses (Rufus Wainwright). E due classici senza tempo come Secret Love, originariamente cantata da Doris Day e recentemente riscoperta da Mika, e A Time for Love interpretata da Tony Bennett e Kurt Elling e già rivisitata, tra gli altri, anche Oscar Peterson e Milt Jackson. Per finire con un' incursione da applauso nel mondo del soul con quella stessa At The Dark End Of The Street portata al successo da Aretha Franklin. Il risultato è un disco dal respiro internazionale. Il piano e la vivacità espressiva cui Filippini ci ha abituato trovano, nel confronto con Palle Danielsson e la batteria di Olavi Louhivuori, il terreno ideale per manifestarsi in modo compiuto e maturo.

10/4/2014l’UnitàPaolo Odello
Jazz, in arrivo 'Breathing in Unison'

Claudio Filippini pubblica il nuovo album Breathing In Unison per la Cam Jazz, secondo capitolo, dopo il precedente Facing North, della collaborazione con il brillante talento finlandese Olavi Louhivuori e il gigante del jazz mondiale, lo svedese Palle Danielsson.
Alcuni dischi non sono solo “nuovi album”, ma passaggi di testimone: Breathing In Unison, del pianista Claudio Filippini, raccoglie il lavoro fatto con il precedente Facing North (2012) e ne fa punto di partenza per questa nuova avventura. Quasi un’opera unica, nella quale l’“unisono”, non sta solo nel titolo: Modern Times #evolutions è la prima traccia di questo disco, ma anche l’ultima di quello precedente Facing North. Così, come un cerchio che si chiude, la fine del precedente lavoro suona come l’inizio del nuovo, perché metaforicamente non c’è niente che si possa diventare senza ciò che si è già stati.
Il 16 aprile, Claudio Filippini terrà un concerto per piano solo al Teatro Massimo di Pescara, sua città natale. In quell’occasione eseguirà alcuni brani del nuovo album.
Tra i due album sono trascorsi quasi due anni di lavorazione, passati tra studi di registrazione - i noti Bauer Studios di Ludwigsburg -, concerti, tour e un nuovo periodo della vita. Il pianista di origine pescarese, infatti, nell’arco di questo periodo è diventato padre e l’intera opera è dedicata alla piccola Maia.
La title track dell’album, Breathing In Unison è ispirata alla moglie Luisiana e il titolo prende spunto da un verso di una poesia di T.S. Eliot, "A Dedication to my wife”.
L’amore è sullo sfondo di ogni brano del disco, ed è da intendersi in senso ampio. “South Michigan Avenue”, per esempio, riporta l’ascoltatore a Chicago, città a cui Filippini è molto affezionato: una passeggiata per la Art Institute, ispirata dalla visione di “American Windows” di Chagall.
L’ultima traccia invece, At The Dark End Of The Street è una reinterpretazione, un brano dedicato a Cristian Panetto, sassofonista di Spoleto che è scomparso proprio quando Filippini stava lavorando al suo disco.
Cover e brani originali per questo album realizzato con due mostri sacri come Olavi Louhivuori e Palle Danielsson: Nei mesi trascorsi tra le due registrazioni (poco più di un anno) - racconta Claudio - ho avuto l'occasione di mettere alla prova questo trio anche dal vivo, esplorando sentieri musicali sempre differenti e sperimentando quante più sfumature di suono possibili per entrare di nuovo in studio di registrazione con una nuova coscienza.
Ma non sono gli unici nomi noti: le note di copertina sono a cura di Brian Morton, scrittore, giornalista e conduttore scozzese, co-autore della The Penguin Guide to Jazz Recordings, una vera e proprio Bibbia del genere: “Filippini ha un tocco personale e un proprio approccio alla tastiera. Questa è una musica da gustare e assaporare, non da fagocitare in un sol boccone. Solo allora si coglieranno i suoi pregi e il suo valore. E’ il sound di tre uomini che respirano assieme, all’unisono, con l’intento comune di creare una musica che entri nelle vene e nutra la mente e l’anima in egual misura.” ha scritto.

10/4/2014ag.terzapagina.iteditorial
Claudio Filippini, Breathing In Unison

Easy-to-like set from Filippini, who runs with a standard jazz piano trio format for this session. Joined by drummer Olavi Louhivuori and bassist Palle Danielsson, a couple tracks hit on standards and pop songs like “As Time Goes By,” but more of the album focuses on Filippini’s increasingly-personal voice on his instrument. A track like “Poses” simmers with a quiet melodicism atop a patiently-surging rhythm, and the sleepwalker, with its wavering sheets of harmonics over a haunting bass arco and rhythmic flurries. Released on CamJazz, which has really become a home for Filippini, where he’s really been able to flourish. Highly Recommended.

9/4/2014WonderingSound.comDave Sumner