Labels > Cam Jazz > Claudio Filippini > Facing North

Claudio Filippini

Facing North

Cam Jazz CAMJ 7854-5

palle danielsson olavi louhivuori

Item: full_album_8052405140791_CD

Artists :
Claudio Filippini ( Piano, Fender Rhodes, Keyboards )
Olavi Louhivuori ( Drums )
Palle Danielsson ( Double Bass )
Release date
Jan 15, 2013
Duration
0:50:40

Facing North is an album that confirms the commitment of this pianist from Pescara, Italy. Claudio Filippini has grown to be considered one of the most promising artists in the Italian jazz scene today thanks to his numerous awards and international collaborations.


Facing North is a convergence of two worlds and approaches, where the pianist meets two extraordinary musicians such as Palle Danielsson and Olavi Louhivuori. The former is a true legend of Northern European jazz, an amazing bass player who shaped a movement that honors him today as one of its greatest leaders. The latter, drummer Olavi Louhivuori, is among the leading protagonists in Finnish jazz, despite his young age. From this meeting comes a thrilling album, where northern European influences mix with Filippini’s lyricism.


An extraordinary writing from which compositions of great depth are born, giving due recognition to Filippini not only as a musician but also as a composer. A perfect symbiosis between the three musicians who, from the very first recorded note, seem to have known each other forever.


 Recorded at Bauer Studios Recording engineer Johannes Wohlleben


Photos by Andrea Boccalini


Liner notes by Daniela Floris

Reviews

Claudio Filippini: Facing North

Pianist Claudio Filippini, born in Pescara in 1982, is one of the bright young stars of Italian jazz. With his album The Enchanted Garden (CAM JAZZ, 2011) he was hailed as the new "wonder boy" of Italian jazz. Now he is regarded as a pianist/composer of international stature, with his album Facing North (CAM JAZZ, 2013) receiving widespread critical acclaim. At the age of 11, Filippini enrolled in a course of jazz piano, parallel to his classical studies at the Musical Academy of Pescara, where he had the opportunity to study first with Angelo Canelli and later with Marco Di Battista graduating after five-years with the highest honors. During his studies he met musicians like pianist Kenny Barron, pianist George Cables and trumpeter Jimmy Owens. At 17 Filippini won his first scholarship to Columbia College of Music in Chicago, followed by several scholarships in Italy and abroad. Filippini was 1st prize winner of the European Competition for Piano Solo—Yamaha Music Foundation of Europe 2002, and the Massimo Urbani Award 2003. In recent years he has played in numerous festivals around the world. In 2010 Filippini began playing with singer Mario Biondi on his numerous tours. In 2011 he recorded The Enchanted Garden for the CAM JAZZ label, with Luca Bulgarelli on double bass and Marcello Di Leonardo on drums. In 2013 Filippini released the CD Facing North with a new trio featuring Palle Danielsson on double bass and young Finnish drummer Olavi Louhivuori which achieved significant critical acclaim...
AAJ: Your first trio- album, The Enchanted Garden (CAM JAZZ, 2011) with bassist Luca Bulgarelli and drummer Marcello Di Leonardo appeared in 2011. This alternately, challenging album was well received by, amongst others, your colleague Enrico Pieranunzi, who wrote in his liner notes: "Musical stories full of imagination and depth; Claudio's improvisations reveal to us a language of beauty, generating music of such density and intensity...Bravo!" What does the music of Enrico Pieranunzi mean to you?
CF: I discovered Enrico Pieranunzi when I did a workshop with him in 1999. I was eager and I wanted to learn as much as I could from anyone. Pieranunzi insisted on the fact that I should play more by ear. He's a wise and brilliant man, he has a deep culture in every field and you can listen to his stories full of experiences for hours. He can play in a lot of styles and when I was with him I tried to steal his phrases as much as I could. Enrico Pieranunzi is one of the best realities we have in Italy and I'm very lucky to have the opportunity to study with him.
AAJ: This year your second trio-album, Facing North (CAM JAZZ) appeared. How did you experience working with Palle Danielsson? How did you meet the gifted drummer Olavi Louhivuori ?
CF: The collaboration with the two Scandinavian musicians was born in a certain sense by the courage and foresight of the artistic producer Ermanno Basso from CAM JAZZ label, whom I proposed to record a CD with a foreign rhythm section. Among the several names that came to our mind we thought that Danielsson and Louhivuori may could work together. I knew them both for their musical collaborations, but I also knew that they had never played together. Both me and Ermanno were tremendously curious which sound would come out. So after checking our schedules we found some days available for everyone and we went to Ludwigsburg, Germany in the fabulous Bauer Studios. The CD is the result of our first meeting, playing together for the first time.
AAJ: With drummer Lorenzo Tucci you recorded this year the live-album Tranety (Albore Jazz, 2013), dedicated to the work of John Coltrane. What role has John Coltrane played in your musical development?
CF: Both me and Lorenzo are really in love with Coltrane's music, and we decided together to make a tribute to him without saxophone. John Coltrane was a true innovator, his style changed a lot of times during his short career. I really have an admiration for his approach and for his music that sometimes is very complex and very challenging to play. AAJ: Do you prefer playing challenging music to more simple, groove-based music?
CF: When I have the chance to play difficult music, I like to play it in a very simple way. When the chord changes are difficult and there are not so many connections between them, I like to make very simple melodic lines in order to make the chord changes understandable for the other musicians and for the audience. I really don't like to play difficult stuff in a difficult way, trying to do what I can't do. In this way I feel breathless and tense. On the contrary if I'm playing for example a very fast piece with very difficult changes, the first thing I do is to relax, and play one note at a time, listen to each other and try to do simple things in a good way rather than difficult stuff in a bad way.
AAJ: Do you regard yourself as part of a common jazz tradition? Your music prooves jazz is still alive and growing. How do you think jazz music will develop?
CF: Jazz music is constantly changing, it always has been changing. It is a music that comes from contamination, and it is a blend of different cultures. I think nowadays a lot of people find in jazz a way to communicate. We live in 2014, the world is getting smaller and smaller and thanks to Internet we can discover music from each country of the world.
I could not set a list of people who have contributed in recent years to the growth of our musical heritage, I can only say that fortunately there is so much excitement and so much material to draw from. Despite the hard times for the musical industry, it's a solace that we have thousands of great jazz players in the world that don't care about the commercial part. All they want to do is to play what they feel inside.
AAJ: What projects do you have in store for us?
CF: I'm working on the second CD with Palle Danielsson and Olavi Louhivuori that should be out soon. This CD is called Breathing In Unison and will be released by CAM JAZZ Label. It contains both original compositions of mine and standards. I'm also composing music for a new trio with musicians from Chicago with which it will record a new CD and I will be on tour next April.
AAJ: Are you excited about this project?
CF: I'm really excited about this new project, I hope it will be a new point of departure for a new musical journey and I hope it will last over time. (for the complete interview see www.allaboutjazz.com)

4/2/2014allaboutjazz.comRobin Arends
Claudio Filippini Trio Facing North

Claudio Filippini gehört zu den aufstrebenden Pianisten der italienischen Jazz-Szene. Wie sein Mentor Stefano Bollani, der mit seinem nordischen Trio einen starken Kontrapunkt zu seinen zahlreichen Aktivitäten setzt, findet der 30-jahrige Musiker aus der adriatischen Küstenstadt Pescara einen neuen Horizont. Mit dem Schweden Danielsson und dem Finnen Louhivuori im Trio ist ihm ein Album mit ausdrucksstarken und suggestiven Bildern gelungen. In sechs Eigenkompositionen unterstreicht der Pianist seine kompositorischen Qualitäten, und der Titelsong druckt seine Freude ob der gelungenen Trio-Formation ansprechend aus. Filippini findet auf diesem Album zu einer eigenen, ruhigen Sprache mit tief gehenden Momenten, mit manchmal einfachen Melodien wie auf “Sonatina” oder “Soaking And Floating”. Dass er auch technisch stark ist, zeigt er etwa in “Modern Times”, aber auch hier bleibt die Atmosphäre, die das ganze Album der Zeit zu entrücken scheint, immer sehr lyrisch und überzeugt durch einen Tiefgang, zu dem die beiden berühmten nordländischen Partner wesentlich beitragen.

1/7/2013Jazz’n’morera
Viaggio al Nord per Claudio Filippini

Prova di grande maturità per Claudio Filippini che ha affrontato questa nuova fatica discografica avendo come compagni d’avventura due musicisti da lui assai lontani per ambienti formativi ed esperienze di vita: il batterista finlandese Olavi Louhivuori e il grandissimo contrabbassista svedese Palle Danielsson, vera e propria icona del jazz nordico e più in generale del jazz europeo. L’idea è venuta dall’immaginifico produttore e anima della Cam Jazz, Ermanno Basso, e il pianista pescarese l’ha subito colta e fatta propria seppure con tutte le perplessità del caso. Insomma una sorta di scommessa che portava Claudio fuori dai suoi terreni abituali per misurarne le capacità interpretative in un contesto assolutamente nuovo e difficile. Ebbene la scommessa è stata vinta a piene mani dal momento che Filippini ha condotto il trio con mano sicura ed elegante fin dalle primissime note. L’album si apre, infatti, con una deliziosa composizione di Black e Mancini, “Nothing to lose”, in cui si evidenziano immediatamente quelle che saranno le caratteristiche dell’intero album: un pianismo raffinato, cristallino, con un fraseggio quasi minimale, scevro da qualsivoglia dimostrazione di tecnicismo, ma piuttosto intriso di un sensibile intimismo, con un tocco che la dice lunga sulla preparazione “classica” del leader; un sostegno ritmico di assoluta eccellenza con Palle Danielsson che quasi in ogni brano si riserva uno spazio per un pertinente assolo e Olavi Louhivuori magnifico interprete di un drumming tanto poco invasivo quanto propulsivo, caratterizzato soprattutto da una particolare maestria sui piatti. E i tre mai perdono il filo di una perfetta intesa sia quando affrontano originals sia quando si misurano con rivisitazioni di brani già noti quali, oltre il già citato “Nothing to lose”, “God Only Knows” di Brian Wilson portato al successo naturalmente dai Beach Boys, il celebre “Embraceable You” di George & Ira Gershwin, fino a “Chasing Pavements”, cavallo di battaglia della cantante inglese Adele. Tra i brani meglio riusciti, a mio avviso, “Landscape” impreziosito da una splendida e sognante introduzione di Palle Danielsson con l’archetto e successivamente giocato tutto su un mirabile equilibrio tra pianoforte, batteria e contrabbasso.

22/5/2013online-jazz.net - a proposito di jazzGerlando Gatto
Claudio Filippini Trio Facing North

Il recente disco di Claudio Filippini contiene numerosi motivi d’interesse e novità già dalla formazione: Palle Danielsson e Olavi Louhivuori, infatti, sono due celebrati esponenti del jazz nordeuropeo, e riescono a “spingere” la musica del pianista abruzzese in territori nuovi e inediti. Anche la scelta dei brani è particolarmente interessante: si alternano composizioni originali a rivisitazioni (realizzate magistralmente) di classici tratti dal repertorio di Henri Mancini (Nothing To Lose), Brian Wilson (God Only Knows dei Beach Boys), George Gershwin (Embraceable You), fino ad arrivare alla contemporanea cantante inglese Adele (Chasing Pavements). Pregevole è il suono complessivo, una riuscita miscela di melodia, mondi ritmici e modali, dinamiche molto marcate che sono alla base dei deliziosi chiaroscuri. A Filippini va il merito di rendere “semplici” anche le linee melodiche più complesse, come ben si ascolta in Chasing Pavements, e da questo punto di vista è ottimamente sostenuto dalla ritmica intelligente e attenta di Danielsson e Louhivuori. Da rilevare anche l’aspetto compositivo, che alterna frammenti classicheggianti (Sonatina), brani basati su riff (Scorpion Tail), dinamiche avvincenti (Soaking And Floating) e vibranti variazioni ritmiche, come lo splendido 5/4 di Modern Times.

7/5/2013JazzitEugenio Mirti
CLAUDIO FILIPPINI Facing North

Gefangen in der üblichen Routine fühlte sich der italienische Jazzpianist Claudio Filippini, als ihn ein Anruf von Cam-Jazz-Label-Boss Ermanno Basso erreichte, ob er nicht eine Trioaufnahme mit Palle Danielsson und dem finnischen Schlagzeuger Olavi Louhivuori, vor allem bekannt als Mitglied des Tomasz Stanko Quintets, machen wolle. Gesagt, getan. Die drei Musiker enterten das Bauer Studio in Ludwigsburg und spielten vorliegende inspirierte Triosession ein. “Nothing to Lose” fungiert als Opener. Der Standard aus der Feder von Henry Mancini legt sogleich die spontane Chemie des Trios offen, denn mit der Nummer haben sie in Ludwigsburg tatsächlich gestartet – inklusive des gleichermaßen robusten un fein ziselierten Bass-Solos von Danielsson. Neben zwei weiteren Standards und dem Beach-Boys-Klassiker “God Only Knows” überzeugen aber auch Filippinis eigene Kompositionen, vor allem so straffe Nummern wie “Scorpion Tail” oder der Titletrack. Der “Blick nach Norden” hat sich für Claudio Filippini eindeutig gelohnt.

2/5/2013JazzthingRolf Thomas
Trios im Trend

Italien als neues Pianojazz-Paradies? Es sieht so aus. Eine Menge gibt’s dort jedenfalls zu entdecken. Claudio Filippini aus Pescara wird in Bella Italia schon länger hoch gehandelt. Nun gibt’s gleich drei Alben von ihm auch nördlich der Alpen.
Das jüngste, “Facing North”, zeigt ihn mit internationalen Gefährten wie Palle Danielsson (Bass) und Olavi Louhivuori (Drums) als virtuosen Improvisator, der kraftvolle wie leise Passagen gleichermaßen meistert. “Through The Yourney” (56:37) fällt dagegen etwas ab: Bei dieser Duoaufnahme wirkt das Trompetenspiel von Partner Fulvio Sigurtà zu plakativ. “The Enchanted Garden” (51:24) schließlich ist das Highlight unter den drei CDs. Mit italienischen Kollegen an Bass und Schlagzeug streift Filippini hier zuweilen das Korsett der Konvention ab und experimentiert in rhythmisch abwechslungsreichen, dynamischen Stücken mit Elektronik, die entfernt an e.s.t. erinnert. Durchweg tief, rund, räumlich präsentiert sich der Klang.

1/5/2013StereoplayMI
Facing North Claudio Filippini

Nelle note di copertina Claudio Filippini descrive il momento in cui Ermanno Basso - produttore della Cam Jazz - gli ha proposto di registrare questo disco: «era un periodo un po' turbato della mia vita, musicalmente mi sembrava che non riuscissi più a crescere». Incidere un album in trio con due musicisti di grande lavatura come il monumentale Palle Danielsson e Olavi Louhivuori, è stata dunque per il pianista abruzzese un'ottima occasione per misurare la sua ambizione, e per capire dove poter proiettare il proprio futuro. Molto lontano, verrebbe da dire, almeno a giudicare dalla musica contenuta in Facing North, un passaggio fondamentale che sancisce un ulteriore stadio di crescita di Filippini, soprattutto dal punto di vista emozionale, oltreché formale.
Il leader prende per mano il trio già nelle note d'apertura di "Nothing to Lose," e lo trascina attraverso territori sonori abbelliti da pochi ma determinanti elementi, che possono essere rappresentati da un solo di Danielsson carico di vibrazioni, come quello che apre "Scorpion Tail," o da un passaggio sui piatti di Louhivuori. Filippini snocciola melodie servendosi di un tocco cristallino, a tratti trasparente e in certi momenti deciso nel ribadire la sua presenza all'interno di un meccanismo dinamico che a tratti percorre binari espressivi in perfetto equilibrio. I tre parlano lingue diverse, ma si intendono a meraviglia sia sugli spartiti originali portati negli Bauer Studios di Ludwigsburg da Filippini, sia in quelli del sapere comune, come in "Chasing Pavements," il brano che ha proiettato la cantante Adele al successo mondiale.
L'ascolto si risolve in melodie cantabili e di grande respiro, come quelle racchiuse nella conclusiva "Modern Times," che rimangono in mente in maniera discreta, come la musica contenuta in questo lavoro, splendidamente cesellata con intensità rara.

29/4/2013italia.allaboutjazz.comRoberto Paviglianiti
Claudio Filippini Trio Facing North

From the moment you handle the CD case and carefully extract the liner notes, you know you are in for a very classy, modish experience with this trio comprised of Italian pianist Claudio Filippini, Swedish bass player Palle Danielsson and Finnish drummer Olavi Louhivouri. The glossy paper of the notes, the delightful stickers of album covers (far too beautiful to actually stick on anything), the mix of near-sepia and delicate colour photographs and, most satisfying of all, exquisite essays by Claudio and Daniela Floris.
All these features whet our appetite even before we listen. We read how Claudio couldn’t believe he had been asked to play with two idols he had never met. How he was passing through a troubled period as a composer, how suddenly the very thought of working with Palle and Olavi strengthened and focussed him, like a compass pointing to the only true direction where you can align yourself – North – Facing North. Immediately we empathise with Claudio’s dilemma and anguish, and rejoice in its joyful resolution. And we are grateful for Daniela’s quiet shyness at being in their presence while recording, when she was dazzled by beauty, yet able to describe a wonderful experience to us.
Then you listen, holding your breath, hoping your expectations will be fulfilled. And they are, immeasurably. The overwhelming impression this album leaves you with is joy. From the happy, smiling, cover photo to the final chord, this album is suffused with love, hope and a sense that strength, once received, never leaves you. There are six beautiful compositions by Claudio, a Henry Mancini, two Gershwins, the best Brian Wilson song ever (God Only Knows) and Adele’s song Chasing Pavements. The piano is a beautifully toned Steinway from the 1920s, the studio sound is warm and calm.
Maybe it is not co-incidental that the opening track is Nothing to Lose with its subtle, cautious start, then growing confidence. The heart-breaking bass leaves you in no doubt that this is a very special session, this track was recorded in one take. The title track Facing North sings and swings, suffused with Bill Evans-like gentle harmonies, as if Palle brought something of the master with him from 1965 Stockholm and Claudio has picked it up, so subtly. Everything is subtle and ethereal on this album, as if you can’t quite believe it is happening. They recorded it in low lighting and that must have added to the atmosphere. Landscape opens with a shimmering terrain, gently rolling hills traced by the piano while the bass glides and soars serenely above it like a bird. This is a luxurious verdant landscape, nothing jarring here. The subtle use of the celesta adds a magical icy touch to several tracks like Sonatina and Soaking and Floating.
What can you say about God only knows? The most perfect pop song ever written and here given a brittleness and fragility with ironic opening chords. Adele’s ambiguous Chasing Pavements is accorded great reverence, it is a lovely tune, rendered timeless here. Upbeat Modern Times closes the album sending us away feeling strong, optimistic, refreshed.
Claudio has indeed proved that he had nothing to lose and everything to gain in this perfect album. Highly recommended. I must thank Ermanno Basso for making it happen.

24/4/2013onlyjazzblog.comMary James
Claudio Filippini Trio Facing North

Südnord – oder Nordsüdexpedition – wie man seinen Blickwinkel setzen will, der italienische Pianist Claudio Filippini holte sich mit dem schwedischen Meister der Basstöne – Palle Danielsson, der schon Jan Garbarek, Keith Jarrett, Charles Lloyd, Bill Evans, Enrico Rava oder Albert Mangelsdorff begleitete – und dem finnischen Drummer Olavi Louhivuori nordisch erdige Lichter ins PianotrioBoot, um den verwaisten Klavierstuhl von Esbjörn Svensson mit einer neuen europäischen Variante zu erhellen. Der aus Pescara stammende Filippini hat nach zwei italienischen Trios seine anfänglichen Exkursionen ins Standardrepertoire durch Großteils eigene Stücke im Repertoire ersetzt, die seine Fingerfertigkeit und den romantischen Gestus betonen, der amerikanische Vorbilder am Instrument wie Bill Evans in den Sinn ruft, dabei aber durchaus auch moderne Ansätze zeigt, ohne in die E.S.T.-Falle zu gehen, dazu agieren seine beiden Begleiter durchwegs zurückhaltender, was zu einigen kühlen Spannungsmomenten führt; poetische Reisen durch Europa, durchaus mit temperamentvollen Momenten.

15/4/2013ConcertotHo
Claudio Filippini Trio - Facing North

Lassen wir einmal auf Grund von Unkenntnis beiseite, wie es zu dieser ungewöhnlichen Personenkonstellation überhaupt gekommen ist.
Tatsache ist jedoch, dass die geografische Distanz zwischen den Musikern auf jeden Fall beeindruckend ist und der Titel der CD also mit Bedacht gewählt wurde.
Der Pianist Claudio Filippini stammt aus dem mittelitalienischen Adriaort Pescara. Seine beiden musikalischen Begleiter stammen dagegen aus dem hohen Norden. Der Jazzbassist mit Veteranenstatus Palle Danielsson ist in Stockholm zuhause, der junge Drummer Olavi Louhivuori lebt in Helsinki. Mittlere zu überbrückende Distanz: gute 3.000 Kilometer. Filippinis Blick gen Norden hat also seinen guten Grund.
Das aus dieser räumlichen Kluft resultierende Ergebnis könnte allerdings harmonischer kaum sein.
Skandinavische Kühle und mediterrane Wärme begegnen sich ohne jegliche gewittrige Kollision, dafür in einem wohlproportionierten Modern-Jazz-Kontext. Filippini ist ein einfühlsamer und auffallend seelenvoller Tastenmann, der es blendend versteht, sowohl seine eigenen Ideen schlüssig zu transportieren, aber auch aus Henry-Mancini-, Beach-Boys- oder Gershwin-Kompositionen glanzvolle Interpretationen zuwege zu bringen. Dass Danielsson ihn dabei meisterlich unterstützt und Louhivuori eine famose Perkussionsarbeit abliefert, ist dann auch keine große Überraschung mehr, denn schließlich sind hier Cracks am Werk. Mit anderen Worten: “Facing North” ist eine gelungene Symbiose aus Sonnenbrille und Wollmütze.

5/4/2013sound-and-image.de
Claudio Filippini

Der Titel des Albums des Trios des Pianisten Claudio Filippini ist passend gewählt, trifft der Italiener auf “Facing North” mit der schwedischen Bass-Legende Palle Danielsson und dem jungen finnischen Schlagzeuger Olavi Louhivuori auf zwei Könner aus dem hohen Norden, sie es wundervoll verstehen, die überwiegend eigenen, lyrischen Kompositionen Filippinis ins rechte Licht zu rücken.

22/3/2013Recklinghäuser Zeitung
Claudio Filippini Trio Facing North

Ist es nur Zufall, dass sich mit Claudio Filippini ein zweiter italienischer Pianist der Jazzwelt vorstellt, der seine Imagination ganz aus dem Inneren zu schöpfen scheint? Doch damit sind die Ähnlichkeiten mit dem mailändischen Kollegen Stefano Bollani noch keineswegs erschöpft. Auch Filippini hat sich dem gehobenen Mainstream verschrieben, auch er mit ganz persönlicher Note. Sein klassisch geschultes Verständnis für Harmonie und Melodie kann Filippini in das Spannungsverhältnis zum triolisch gedachten Jazzbeat einbringen, auf dessen Herausforderungen er in jedem Stuck souverän reagiert. Besonders in dem an einen Folksong erinnernden “Landscape” muss man seine Fähigkeit würdigen, selbst lange Phrasen mit Gewichtung und Gemessenheit zu akzentuieren, wobei er zur Hervorhebung einer Note unendliche Nuancierungen benutzt, ohne je sein zartes Spiel zu verlieren, das ihn ansonsten auch im Forte auszeichnet. Die Bassisten-Legende Palle Danielsson und der finnische Wunderknabe an den Drums, Olavi Louhivuori, treten erwartungsgemäß im Geflecht des nur von einigen Standards unterbrochenen Eigenrepertoires mehr als nur rein begleitend in Erscheinung, was den Blick auf Filippinis Spiel freilich umso mehr schärft. Ob es sich bei dieser Aufnahmesession aber um die Begegnung zweier Welten, nämlich die der nordischen mit der mediterranen Auffassung von Jazz dreht, sei einmal dahingestellt, dieser Kommentar sei dem branchenüblichen Hype geschuldet. Der Qualität dieser Musik an sich tut dies gottlob keinerlei Abbruch.

20/3/2013Piano NewsTom Fuchs
FACING NORTH, Claudio Filippini Trio. Il calore che viene dal Nord

Daniela Crevena corre a fotografare Claudio Filippini, Palle Danielsson e Olavi Louhivuori durante il loro mini tour a Brescia. Daniela Floris li va ad ascoltare a Terni. Ecco unite le nostre forze per descrivervi un concerto bellissimo: Facing North. D&D, parole e foto, sempre W il Jazz.
Facing North è il nuovo progetto nato da un'intuizione di Ermanno Basso per l'etichetta CAM Jazz di Claudio Filippini e che vede insieme Filippini al pianoforte, Palle Danielsson al contrabbasso e Olavi Louhivuori alla batteria.
Questo Trio posso dire di averlo visto nascere: ero al Bauer Studio di Stoccarda quando è stato registrato, e ciò che mi lasciò l’anno scorso senza fiato fu l’incredibile, immediato feeling che si creò dal primissimo brano fra tre musicisti che erano confluiti in Germania incontrandosi per la prima volta. Danielsson dalla Svezia, Louhivuori dalla Finlandia e Filippini da Roma, da Roma “verso Nord”, che poi è diventato il titolo del cd: un Nord geografico, un Nord artistico. Un nord di certo tutt’altro che freddo.
L’emozione di veder nascere un disco dai primi istanti è stata indescrivibile: si ascoltano gli artisti suonare dal vivo, allo stesso tempo l’ambiente quasi asettico, qual è quello dello studio di registrazione, in cui i suoni vengono forse ancor prima di chi quei suoni li crea ti dà la sensazione di essere alla sorgente pura della musica.
Era importante per me ascoltare questo trio in concerto live, senza mediazione di cuffie, o sofisticati microfoni e sale insonorizzate: sarà replicabile quella atmosfera così naturalmente intensa?
A Terni ho avuto la conferma che ciò che è avvenuto a Stoccarda era pura verità.
Feeling incredibile, già dalle prime note: “Nothing to lose”, da “Hollywood Party”. Il tema accarezzato al pianoforte, la batteria che sembra procedere per accordi più che per battiti, il contrabbasso dal suono pieno e dalle linee melodiche ed armoniche suggestive sia nei momenti di insieme che negli assoli. Filippini gioca con il tema spezzandolo ma lasciandolo sempre intuire nella sua interezza, in modo che sia nell’aria lì, quasi cullandolo. Il gioco con Danielsson e Louhivuori è un mirabile bilanciamento in cui ognuno è protagonista ma senza mai perdere di vista la musica. Louhivuori percorre tutte le sue possibilità stilistiche: dallo sfarfallio al suono tribale.
Danielsson è talmente istintivo e intenso che ci si rende conto della sua tecnica e della sua intonazione solo se ci si concentra appositamente su quelle: perché il suo è un percorso emozionante di note, sempre alla ricerca di agganci con piano e batteria, creando lui per primo ma anche accogliendo ogni piccola sottigliezza provenga da pianoforte e batteria. Filippini ha fantasia e gusto, e questi sono guidati da una musicalità profonda. Parte “Scorpion Tale.” L’ostinato del contrabbasso, il suono tribale della batteria, gli accordi del pianoforte si intrecciano fino ad arrivare a volume alto, in un crescendo pieno di dinamismo. Rimane però un dinamismo “sognante”, ricco di dissonanze dolci anche quando diventano più assertive: assertivo sì, ma mai muscolare, Filippini, anche quando compone, naturalmente.
Ogni brano è un piccolo mondo a sé. “Landscape”, ad esempio: un’intro del contrabbasso ad arco, la batteria – che dovrebbe essere la parte più “materiale” del trio - è quella che scompone l’atmosfera, la rende sottile e volatile, ed è di lì che poi parte un brano pieno di spunti, di feeling.
Brani originali, ma anche presi dal pop (Adele, Beach Boys) che diventano Jazz allo stato puro. A Filippini basta presentarne le melodie, scomporle con la mano destra, lasciarle un attimo da parte concentrandosi sull’impianto armonico giocando con gli accordi, e poi riprenderle perché tanto Danielsson e Louhivuori le cullano per lui.
Riesce persino a rievocare un'opera di Chagall, American Windows, dimostrando che nell’arte linguaggi diversi possono essere avvinti e tendere a un’efficacia espressiva del tutto simile.
Si chiude con Body and Soul… non che prima non ci fosse stato il vero Jazz... con un trio come questo, tutto può diventare Jazz.

18/3/2013jazzdanielsblog.blogspot.it
Claudio Filippini Trio Facing North

Il pianista e compositore abruzzese Claudio Filippini si presenta nuovamente al grande pubblico con un lavoro in piano trio, in cui è affiancato da due autentiche icone del jazz nord-europeo: l’indiscusso maestro svedese Palle Danielsson al contrabbasso e il giovane talento finlandese Olavi Louhivuori alla batteria. Facing North mostra le molteplici sfumature e le imprevedibili alchimie espressive che possono nascere fra musicisti tanto distanti per origini geografiche quanto vicinissimi per poeticità e gusto formale. Claudio Filippini, già considerato da qualche anno fra i maggiori talenti del nostro panorama musicale, raggiunge con questo lavoro una consacrazione internazionale, che lo colloca (senza ombra di dubbio) anche fra i migliori pianisti under trenta del vecchio Continente. Il lavoro, che dichiara il proprio percorso artistico nel suo titolo Facing North ovvero rivolto al nord, appare intriso di quelle atmosfere squisitamente scandinave che, tuttavia, non risultano completamente scevre da influenze jazzistiche appartenenti ad altre latitudini. Il raffinato album si apre con “Nothing to lose” composizione scritta da Henry Mancini per il celebre film Hollywood Party (interpretato dall’indimenticabile Peter Sellers), in cui il talentuoso pianista rende un sentito omaggio a Mancini, al pari del tributo in piano solo che lo stesso dedica al grande George Gershwin nella superba “Embraceable You”. In tal senso, le sei composizioni originali a firma di Filippini si integrano con le altre, portando alla luce la coinvolgente ispirazione prodotta dall’empatia stilistica fra il pianista italiano e i due talenti del Nord-Europa. A partire dalla irrequieta “Scorpion Tail” alla fascinosa “Facing North” (bellissima composizione che dà il titolo all’album), s’intuisce il percorso scelto dal band leader per intraprendere il suo viaggio verso un’ideale Stella Polare della musica. Poi, “Landscape” in duo pianoforte-contrabbasso archettato, “Sonatina” in formula bassless pianoforte-batteria e, a chiusura del disco, le notevoli “Soaking and Floating” e “Modern Times”. Pertanto, questo elegantissimo Facing North lascia scorgere la sfrontata disinvoltura del giovane pianista pescarese nel saper creare e dialogare con i suoi talentuosi partners, a dimostrazione della sua vertiginosa crescita professionale.
Il disco, registrato presso i Bauer Studios di Ludwigsburg, rivela (già dalla traccia d’apertura) un’eccellente riproduzione dello spettro dinamico-timbrico dei singoli strumenti, in grado di esaltare il dinamico pianismo di Claudio Filippini, il magico groove di Palle Danielsson e l’atmosferico drummin’ di Olavi Louhivuori, attraverso una realistica ricostruzione di un’ampia e prospettica immagine sonora.

9/3/2013 Fedeltà del Suono - La Bacchetta Magica Francesco Peluso
Claudio Filippini e due mostri sacri del jazz sul palco di 'visioni in musica'

TERNI - Il grande Jazz di Filippini sul palco di Visioni in Musica.
La manifestazione musicale ternana vede la partecipazione di un grande interprete del Jazz made in Italy, affiancato da altrettanti mostri sacri di questo genere musicale.
Domani, Claudio Filippini si esibirà al pianoforte, in concerto all'Auditorium Gazzoli: sarà l'occasione per presentare il nuovo disco Facing North, e per duettare con il grande batterista finlandese Olavi Louhivuori e con un altro gigante del jazz mondiale come Palle Danielsson, contrabbassista svedese dello European Quartet di Keith Jarrett.
E poi, sarà l'occasione per ascoltare i brani di quella perla che è il nuovo disco, che segna la consacrazione del pianista pescarese.
Considerato da tempo una grande promessa del jazz italiano, con Facing North Filippini regala un incontro di mondi e suggestioni, grazie anche alla collaborazione con Danielsson e Louhivuori.
Il primo è una vera e propria leggenda del jazz nord europeo, l’altro, nonostante la giovane età, è una bandiera del jazz finlandese.

7/3/2013 leggo.itIsabella Pascucci
Con lo sguardo rivolto a nord

C’è qualcosa di classico e rassicurante in Facing North, il nuovo disco di Claudio Filippini, pianista abruzzese classe 1982. Sarà la formula del trio, formazione jazz per eccellenza, che lascia spazio a invenzioni e divagazioni pur rimanendo nel solco della tradizione; sarà la scelta dei brani, a cominciare da quella Nothing To Lose che apre il cd, canzone ripescata (onore al leader) dalla colonna sonora del film Hollywood Party (dove era cantata da Claudine Longet), qui riletta mantenendo l’atmosfera struggente tipica dello stile Henry Mancini; sarà il pianismo di Filippini stesso, così essenziale e intenso, diretto e pulito, ricco di spunti, visioni e sfumature, sia nei brani originali (sei su dieci) sia nelle cover come Embraceable You di Gershwin interpretata al piano solo; sarà infine per i due eccellenti musicisti che lo accompagnano, Palle Danielsson al contrabbasso e Olavi Louhivuori alla batteria, con i quali Filippini dimostra di avere un’intesa naturale e sincera che si respira in ogni brano del cd. Di più: i due musicisti, svedese il primo, finlandese il secondo, gli fanno da guida, da motore verso quelle atmosfere “rivolte al nord” che, lo ha confessato lui, gli hanno permesso di uscire dai cliché degli album precedenti che cominciavano ad andargli stretti.
Facing North è un disco importante, che potrebbe risalire all’epoca del vinile tanto è profondamente inequivocabilmente jazz, capace di affiancare tenui pennellate ballad (Soaking And Floating) a colori più forti (Scorpion Tail, Modern Times). Un lavoro che dimostra che non serve rinnegare il passato per inventare nuovi orizzonti, ma si può (si deve) guardare avanti nel rispetto della migliore tradizione.

22/2/2013Sette - Il Corriere della SeraLorenzo Viganò
Claudio Filippini Trio “Facing North”

Nuovo album per il pianista pescarese che già si era fatto conoscere con l’ottimo lavoro “The Enchanted Garden”. Lo troviamo qui in compagnia di due fantastici musicisti che hanno saputo rinvigorire le sue idee in un momento di stasi artistica. E’ lo stesso Filippini che lo ricorda nelle note di copertina dell’album. "…mi è stata proposta in un momento particolarmente difficile della mia vita artistica. Mi sembrava di non riuscire più a crescere, avevo l’impressione che tutto quello che scrivevo si ripetesse sempre uguale".
Da una parte troviamo il contrabbassista Palle Danielsson, con il suo suono pieno e rotondo, che ha collaborato con tutti i grandi da Jan Garbarek a Keith Jarrett ed attualmente fa parte del trio del pianista John Taylor.
Dall’altra Olavi Louhivuori è un batterista dall’enorme creatività che si era già messo in luce con il quintetto del trombettista Tomasz Stanko e successivamente nel trio del pianista Joona Toivanen. La nuova linfa prodotta dall’incontro con i due artisti scandinavi produce un album equilibrato teso alla pulizia formale e ad un rigore inatteso. Sei delle dieci tracce sono originali, caratterizzate da un forte approccio melodico, cantabili e piacevoli ma che denotano una sorta di malinconia impalpabile.
Dai classici e rispettosi omaggi a Henry Mancini e George Gershwin con rispettivamente “Nothing to Lose” e “Embraceable you” si passa a “Scorpion Tail” in cui il lieve approccio modale si scontra con le invenzioni ritmiche di Louhivuori. “Facing North” che da nome all’album sembra riassumere in se tutte le caratteristiche dello stesso.
“Landscape” con gli arpeggi iniziali ci riporta ad un impressionismo musicale per poi passare, improvvisamente, ad un tema semplice e lineare ma allo stesso tempo coinvolgente.
Poco più di tre minuti servono alla traccia “Sonatina” per introdurre l’altro strumento usato da Filippini: la celesta. Chissà se è stato un incontro fortuito in studio, come per Thelonious Monk nell’album “Brilliant Corners” oppure è stato progettato fin dall’inizio.
Chiudiamo con “Modern Times”, forse la traccia più solare dell’album, in cui l’interplay e il divertimento la fanno da padroni.
Progetti come questi, portati avanti da una realtà italiana come la CAM Jazz, ci inorgogliscono.

16/2/2013impulsejazz.comNicola Barin
Claudio Filippini Trio, Facing North

Nuovo trio, nuovo sound. Evoluzione, trasformazione, maturazione, affermazione. Il pianista Claudio Filippini rivolge lo sguardo verso nord e insieme a Palle Danielsson, storico contrabbassista che vanta Bill Evans e Keith Jarrett fra i grandi con cui ha suonato, e al giovane batterista finlandese Olavi Louhivuori, già affermatosi nel quintetto di Tomasz Stanko e nel trio del pianista Joona Toivanen, ci regala una registrazione in studio che ne conferma il valore artistico e la maturità come compositore.
Suoni del nord che uniti alla naturale attitudine lirica di Claudio Filippini creano un’atmosfera minimale, rarefatta ma estremamente lirica.
Filippini aveva già dimostrato di sapere agire con perizia sulla materia musicale nel suo “The Enchanted Garden” e in duo con Fulvio Sigurtà (“Through The Journey”), ma in “Facing North” va ancora oltre, un oltre ideale eppure concreto, a creare quella semplicemente può definirsi bellezza.
…rivolto al nord, cercando quel punto che la bussola ci suggerisce quando perdiamo la strada, guardando oltre, puntando in alto.” scrive Claudio Filippini nelle note di copertina di “Facing North”, a chiarirci cosa rappresenti la ricerca per un musicista, quel movimento costante e necessario che non consente soste e attraverso la riflessione, l’esplorazione, l’autoanalisi, conduce a un perenne rinnovamento, all’atto creativo. Se poi a questa ricerca aggiungiamo una sensibilità straordinaria ecco, appunto, la bellezza. “Nothing to lose”, un brano di Henry Mancini, apre il disco, metaforicamente una partenza in cui nulla si lascia perché quello che abbiamo costruito non risiede in qualcosa di materiale, ma è parte di ciò che siamo e ci accompagna nel percorso.
Un cantabile leggero e arioso esalta il valore della melodia, cifra stilistica inalienabile di Filippini, una cantabilità che non viene mai meno neppure nei brani ritmicamente più definiti, ad esempio in “Scorpion Tail”, dove il contrabbasso di Palle Danielsson introduce con perfetta simmetria le cellule melodiche di Filippini, o ancora nel delicato valzer della title track. Una piccola suite quella di “Landscape”, un’architettura musicale contrappositiva, sospesa sui morbidi arpeggi del pianoforte iniziale, che sostengono il canto del contrabbasso a cui è affidata la linea melodica, con suggestioni orchestrali più che cameristiche, fino al repentino cambio di atmosfera quando la nuda voce del piano si fa avanti in accordi serrati per introdurre il tema vero e proprio del brano.
Non mancano le sorprese anche nella scelta di brani appartenenti ad altri ambiti musicali, come “God only knows” (Beach Boys) e “Chasing Pavements” (Adele), a conferma dell’interesse di Claudio Filippini per lo sviluppo di un personale cifrario da imprimere al testo musicale. “Embraceable you” dalla mente di George Gershwin al tocco di Claudio Filippini, che interviene sulla ballad con delicatezza e un coinvolgimento che trasmettono stupore ed emozione. Un lavoro in trio in cui equilibrio ed empatia sorreggono e sviluppano l’innato gusto dei musicisti coinvolti, in grado di dirci qualcosa di nuovo. Cosa è accaduto a Ludwigsburg nei Bauer Studios lo possiamo percepire in questa musica, una magica alchimia, che leggiamo anche nel racconto emozionato di Daniela Floris nel booklet del disco, parte importante di questa storia di musica, perché, come ogni storia di musica, prima della musica ci sono le persone che la fanno.

10/2/2013pianosolo.itPaola Parri
Claudio Filippini – Facing North

Solo a vedere questo CD ci si rende conto che è una vera produzione, di quelle che oggi diventano sempre piú rare in Italia. Un pianista su cui investe la casa discografica, un vero produttore – Ermanno Basso – che capisce il suo momento di crisi mentre gira sempre intorno alle stesse cose e lo porta ad incidere a Ludwigsburg in Germania insieme a due grandi sidemen. Sono gli ingredienti del disco, così per essere sintetici. Il booklet con le liner notes intorno alla session, la carta di lusso su cui sono state scritte, le foto. Ci si rende conto di trovarsi di fronte a qualcosa che già in partenza ha una sua logica non affidata al caso e quando poi la musica dà l´impressione che tutto scorra senza affidarsi alla routine, spesso in agguato in situazioni di questo tipo, non resta che fare i complimenti a tutti. Claudio Filippini, il pianista, non è un nome nuovo nel catalogo CAM Jazz, così come non lo è il veterano (ormai storiche le collaborazioni nei gruppi di Keith Jarrett, Jan Garbarek, Michel Petrucciani, Charles Lloyd) contrabbassista svedese Palle Danielsson, mentre il batterista finlandese Olavi Louhivuori è un talento conosciuto in patria. Tre giorni di registrazione e quel che è spuntato fa davvero onore ai tre: un disco di un trio che fin da adesso sembra una produzione di quelle che hanno l´aria di un classico, un momento magico sviluppato in studio in cui tutti, dai musicisti al produttore ai tecnici del suono erano in stato di grazia. Dieci brani e cinquanta minuti compatti, divisi tra standards e composizioni originali di Filippini. Ovviamente si guarda al Nord, sia per i sidemen coinvolti che per il tipo di jazz proposto, in ogni caso senza troppe smancerie e strizzate d´occhio ai “neomelodici” che semplificano la musica di Jarrett per le masse. Il talento qui è tanto, e basta un´esecuzione come Scorpion Tail per rendersi conto del valore dei tre. Palle Danielsson é un grande e lo dimostra ad ogni nota, il batterista si inserisce perfettamente nel flusso sonoro e Filippini sa stare al gioco, senza grandi sfoggi di virtuosismi o una pronuncia troppo classicheggiante, è semplicemente se stesso e sa inoltrare al pubblico il messaggio che vuole trasmettere.

3/2/2013musiczoom.itVittorio
Claudio Filippini Trio - Facing North

L'incontro del pianista pescarese con l'immaginifico Palle Danielsson e l'esuberante Olavi Louhivuori aveva acceso la mia curiosità fin dall'annunciato progetto. Il test è sicuramente probante per il pianista, suonare con Palle è una specie di esame di ammissione al consesso dei migliori musicisti europei e Claudio si esprime al meglio sia come compositore che come strumentista.
Il primo ascolto rivela una profonda empatia tra il trio, uno stato di grazia che, se prevedibile da parte del suono caldo e lirico del contrabbasso non era proprio scontato trovare nel tocco di un giovane musicista qui al primo incontro discografico probante fuori dai confini nazionali.
Invece tutto l'album è permeato di classe strumentale, maturità espressiva, ricerca armonica (Embraceable You in solo), lirica morbidezza tematica. Il contributo di Danielsson è rilevante: il suono dello strumento, sia pizzicato che archettato, è inconfondibile avendo tracciato più di trent'anni di storia del jazz non solo europeo.
Anche il batterista finlandese, ascoltato in passato nei gruppi di Tomasz Stanko, ben contribuisce all'architettura strutturale del trio dove sempre emerge con sicurezza il tocco raffinato del pianista, lucido costruttore di stratificazioni armoniche. Trovare soluzioni e idee nuove nel campo più che dissodato del piano trio è compito arduo anche per i maestri americani, Claudio giustamente ricerca equilibrio e cantabilità, percorrendo sentieri battuti con gusto e raffinatezza.
Su tutti i brani le mie preferenze vanno allo splendido Facing North, al sempre meraviglioso tema di Henry Mancini, Nothing to Lose dove il contrabbasso prende un solo di perentoria bellezza, e al ritmato Scorpion Tail, aperto ancora da Danielsson e ottimamente punteggiato da Louhivuori.

27/1/2013blog.libero.it/MondoJazzpierrde
Claudio Filippini Trio: Facing North

Eccoci a parlare di nuovo di Claudio Filippini (Pescara, 1982) che nel suo nuovo CD si avvale della collaborazione di un nome storico del contrabbasso, Palle Danielsson (Svezia, 1946), noto soprattutto per aver partecipato ad alcune importanti registrazioni, negli anni '70, con la formazione europea di Keith Jarrett; alla batteria, inoltre, troviamo Olavi Louhivuori (Finlandia, 1981).
Ecco qualche considerazione su alcuni dei brani:
Facing North, la title track, è una bella composizione in 3/4 che parte da un'introduzione ad accordi pieni che precede l'esposizione del tema vero e proprio. Ecco il solo del contrabbasso di Danielsson che, come in tutto il resto del CD, ci fa ascoltare un suono inconfondbile per calore e morbidezza del tocco. Poi è Filippini ad improvvisare con notevoli richiami, secondo me, al McTyner di “My Favourite Things”, con una voluta posizione fissa della mano sinistra, a carattere piuttosto percussivo, che si contrappone ad una disinvolta mano destra molto più mobile. Dopo il solo di piano si rientra sul tema, ed è di nuovo il contrabbasso a riprendere le fila del discorso. Un brano molto equilibrato che mette in bella evidenza le ottime caratteristiche del trio.
Scorpion Tail parte da un'introduzione di contrabbasso che porta, dritti dritti, alla ritmica afro del brano. E qui è Louhivuori a darci prova del suo talento ritmico sfoggiando un drumming dalle molte tonalità.
Embraceable You: una versione, per piano solo, molto armonizzata e rimaneggiata del celebre brano dei fratelli Gershwin. Molto elegante e poi si rischia sempre molto a lavorare con materiali che sono entrati nella "giurisprudenza" del jazz. Bravo Claudio.
God Only Knows è una rivisitazione di un tema dei Beach Boys (quelli di "Barbara Ann"). Sarebbe interessante scoprire perché il Filippini sia andato a cercarsi un brano del genere; probabilmente c'è un certo gusto per provare a rielaborare e ad improvvisare un po' su tutto (che è uno dei pensieri fondanti del jazz). I Beach Boys non mi fanno impazzire. E anche il risultato di questo esperimento, sinceramente, non mi emoziona.
Sonatina: il drumming iniziale ci conduce su un ritmo di bossa in 6/8 (se il buon Louhivuori mi consente la definizione semplificata) sul quale si appoggia un tema delicato e sognante. Molto bello anche perché, pur nella sua brevità, offre molti diversi versanti e prospettive.
Modern Times è un brano dai ritmi serrati, freddo, tecnico, con molti passaggi impegnativi che mettono in evidenza anche la preparazione compositiva, oltre che interpretativa, del band leader.
Chasing Pavements è un brano cantato dalla soul singer Adele nel 2008. Bello l'originale e bella anche questa versione, molto elegante, che stempera un po' la drammaticità del tema trattato nel video, un mix di amore e morte in forma di incidente stradale.
Conclusioni: un buon CD, con molti spunti interessanti, suonato bene e con gusto, senza strafare. Un trio che certamente riesce ad esprimere pienamente il proprio potenziale, sperimentando un'ampia gamma di modalità espressive. Per certi aspetti un'evoluzione rispetto all'Enchanted Garden, CD uscito nel 2011 con Bulgarelli e Di Leonardo. E questo è tutto, amici miei.

22/1/2013lobetablog.blogspot.itMarco Lorenzo Faustini
Claudio Filippini Trio “Facing North”

Aperture diafane e rilassate, voci di lirismo contemporaneo, ingegno trasparente, abilità nel tradurre emozioni istantanee in spazi solistici ampi e trasparenti.
A nostro avviso sono questi gli elementi portanti di un album dalle squisite cadenze nordiche -ECM, per intendersi - sottolineate dalla presenza di Palle Danielsson, uno dei più sensibili e virtuosi contrabbassisti contemporanei, storico partner del miglior Keith Jarrett, e di Loavi Louhivuori, giovane batterista finlandese, sorprendente per estro ed eleganza. Nel titolo è l’essenza filosofica della ricerca: “rivolto a nord”. E dalle note di copertina apprendiamo il punto d’orientamento, “cercando quel punto che la bussola ci suggerisce quando perdiamo la strada, guardando oltre, puntando in alto”. Certamente, l’Oltre può essere una Pausa, un’interruzione, una parentesi, oppure un ideale continente da dipingere incorrotto, giusto e sereno, nel quale la forza pura dell’emozione, dell’affetto e della passione possano trascolorare in una creazione artistica immediata, in una percezione del suono come dilatarsi dell’anima, in movimenti risonanti di vibrazioni jazzistiche che ne guariscano le “forme” avvertite come stanche e logore. Che sia Bill Evans o Stravinskij a dar luogo all’estetica rivisitata dal pianista poco importa: “Facing North” in qualche modo conduce al “Facing You” di Keith Jarrett (eccellente ed aristocratico suo primo album per l’ECM), all’improvvisazione cameristica rigorosa nelle suites di breve composizione, radiose e vitali, ispirate e scevre da ambigui sperimentalismi.
Breve il passaggio per la mite e introversa chanson d’amour “Nothing To Lose”, rapidamente virata nell’inquieto pindarico di “Scorpion Tail” e nel valzer coltraniano della title track, elegia dal groove di inesauribile energia nella serie di accordi ripetuti quale tela evanescente per disegni melodici sommessi e travolgenti. Tali figure in “Landscape” vengono estese ad un clima ipnotico, immerso nel fondo dell’illuminazione lirica e idilliaca del “canto impalpabile”, e poi esposti in un ritmo binario composto, un 6/8 bachiano leggerissimo nella soave percussività di un drumming aereo e nell’evocazione barocca della Celesta nella “Sonatina”, in cui il tempo si ferma in un danzabile grazioso e alato. L’astensione dal presente, la “ricerca del Nord”, è nell’amletico e tenue divenire del “solo” di “Embraceable You” di Gershwin, in “God Only Knows”, tema dei Beach Boys addirittura pubblicato come B-sides di “Wouldn’t It Be Nice” (Capitol 1966), e che il Trio riscopre ed armonizza in poesia primaverile, così come nell’emozionante “Chasing Pavements”, portata al successo dal vocalismo certamente pop ma passionalmente “Black” e “rough” della soul singer Adele, cultrice di Etta James e del blues storico.
Gli ultimi due brani misurano il sentire di Filippini come compositore, maturo e autorevole, venato di autoanalisi e meditazione senza dubbio composta e raffinata. “Soaking and Floating” è sommesso equilibrio per trio in cui Danielsson vira in chiaroscuro la digressione ballad. “Modern Times” appare itinerario eliaco e fiammante: il titolo rimanda all’innovativo album degli Steps Ahead di Mike Mainieri (Elektra, 1984) in cui era alle tastiere un maestro del nuovo jazz come Warren Bernhardt, che in parte sembra ispirare il Nostro, volgendone però il linguaggio elettrico e laconico in una promenade da Michel Petrucciani a Herbie Hancock.
La bellezza della semplicità, potremmo concludere. L’amore per il “meravigliarsi” del proprio stesso entusiasmo, del proprio istinto melodico: Filippini si lascia conoscere, senza esitazioni o riserve.
Emil Cioran nel saggio “De l'inconvénient d'être né” (Gallimard, 1973) osservò con straordinaria ironia e brillante prudenza: “La passione per la musica è già da sola una confessione. Sappiamo di più su uno sconosciuto appassionato di musica che su qualcuno che alla musica è insensibile e che incontriamo ogni giorno”.

15/1/2013romainjazz.itFabrizio Ciccarelli
Filippini Trio, atmosfere rarefatte e minimaliste

Un album emozionante dove le suggestioni nordeuropee di Danielsson e Louhivori si scoprono passionali.
Claudio Filippini riparte guardando a Nord. A distanza di quasi due anni da quel “The Enchanted Garden” che lo impose all'attenzione di pubblico e critica, con una vivacità espressiva poco dopo riconfermata in duo con Sigurtà, il pianista pescarese incontra le atmosfere rarefatte e quasi minimaliste del grande jazz nordeuropeo. E ancora una volta, piacevolmente, stupisce. Al suo fianco due musicisti di grande spessore, Palle Danielsson e Olavi Louhivuori. Il primo, classe 1946, è una vera e propria leggenda del jazz scandinavo - contrabbassista, compositore e bandleader, dal ‘74 al ‘79 membro con Garbarek e Christensen dell'ormai mitico quartetto europeo di Keith Jarrett - ha indicato la strada a un movimento che oggi lo celebra come uno dei suoi più grandi esponenti in assoluto. L'altro, il batterista Olavi Louhivuori, è nonostante la giovane età - 32 anni, che lo avvicinano ai poco più di 30 di Filippini - una figura di punta del jazz finlandese. Incontro proposto telefonicamente, come ricorda lo stesso Filippini nelle note di copertina: “Quella telefonata arrivò come un fulmine a cielo sereno e non mi fece dormire per un paio notti per diversi motivi. Innanzitutto perché i personaggi in questione sono due musicisti che adoro e seguo da tantissimo tempo. E poi perché era un periodo in cui mi sembrava che musicalmente non riuscissi più a crescere, come se mi fossi bloccato”. “Quella telefonata fu per me un segnale. Il fatto di suonare con musicisti come Palle e Olavi, mi aprì la mente e fece scattare in me una voglia irrefrenabile di scrivere ma soprattutto di pensare la musica in un altro modo, di immaginarla con un nuovo sound”. Il risultato è un album emozionante, registrato fra il 9 e l'11 gennaio dello scorso anno a Ludwigsburg, Bauer Studios. Disco dove le suggestioni nord europee di Danielsson e Louhivuori si scoprono inaspettatamente passionali nell'incontro con il lirismo pianistico di Filippini. Cronaca fedele di affinità insospettate, di complicità improvvise che portano il terzetto a mettersi in gioco alla prima prova discografica con la consapevolezza di un trio rodato da tempo. Fra riletture da Henry Mancini e Gershwin, Ira e George, con Nothing to Lose, poi God Only Knows di Asher e Wilson), per arrivare a Chasing Pavements (Adkins, White) e composizioni originali di grande profondità, Filippini rinnova il piacere della buona scrittura cui ci ha abituato. E si conferma protagonista della scena jazz non solo in veste di musicista ma anche di compositore.

11/1/2013L’UnitàPaolo Odello